Il primo passo

unmondomiglioreunmondofelice

E' tanto che ci penso, non so perchè, ma ci sono delle cose che uno è spinto a fare per non si sa quale ragione precisa. Forse per il desiderio di vivere in modo sereno senza tutte quelle preoccupazioni che esauriscono la tua energia vitale, quella che ti fa apprezzare le cose semplici e farti sentire appagato e felice.

In questo nostro povero mondo è raro avere questa percezione di felicità, e anche se la provi dura poco, davvero poco, ma lascia il segno, il desiderio di ripetere l'esperienza, e allora ecco che nasce la necessità di ricreare le condizioni per replicarla.

Certo ... molto dipende dal punto di vista personale delle cose, e altro dipende da cosa ci gira intorno, ma ancora più certo è che si può essere felici solo se tutti intorno a noi sono felici.

Il bello è che tutti possono essere felici se hanno la possibilità di vivere senza quelle preoccupazioni che esauriscono l'energia vitale che permette di goderne (come sopra insomma).

Da qui è facile capire che è essenziale eliminare la fonte di preoccupazioni. E' una parola!? Diciamo che è una impresa mastodontica, ma possibile. Non tutti saranno disposti a lavorarci perchè ammalati di opportunismo, ma con i giusti passi capiranno che conviene anche a loro se non sentirsi felici, almeno consentire la felicità degli altri. Forse è il caso, intanto, di riflettere su questo concetto e sui benefici personali e collettivi di cui tutti godremmo. Buona vita alle anime belle.