ᗩᐯᗩIᒪᗩᗷᒪᗴ

immagine

Blue Lines è l'album di debutto in studio del gruppo di musica elettronica inglese Massive Attack, pubblicato l'8 aprile 1991 da Wild Bunch e Virgin Records. La registrazione è stata guidata dai membri Grantley “Daddy G” Marshall, Robert “3D” Del Naja, Adrian “Tricky” Thaws e Andrew “Mushroom” Vowles, con la coproduzione di Jonny Dollar. Presenta anche contributi dei cantanti Shara Nelson e Horace Andy. Generalmente considerato come il primo album “trip hop”, Blue Lines fonde elementi di hip hop (come breakbeat, campionamenti e rap) con dub, soul, reggae e musica elettronica. Blue Lines è stato nominato il 21esimo miglior album di tutti i tempi in un sondaggio “Music of the Millennium” del 1997 condotto da HMV, Channel 4, The Guardian e Classic FM. Nel 2000, i lettori di Q lo hanno posizionato al numero 9 nel sondaggio della rivista sui “100 Greatest British Albums Ever”. Nel 2003, l'album è stato incluso nella lista di Rolling Stone dei 500 migliori album di tutti i tempi e di nuovo nel 2012 e nel 2020. Pitchfork lo ha classificato al numero 85 nella lista dei “100 migliori album degli anni '90”. Una versione rimasterizzata di l'album è stato pubblicato il 19 novembre 2012.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/watch?v=W3ng97LZbdg

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

The Notorious Byrd Brothers è il quinto album del gruppo rock americano The Byrds, ed è stato pubblicato nel gennaio 1968, su Columbia Records. L'album rappresenta l'apice della sperimentazione musicale dei Byrds della fine degli anni '60, con la band che mescola elementi di psichedelia, folk rock, country, musica elettronica, pop barocco e jazz. Con il produttore Gary Usher, hanno fatto ampio uso di una serie di effetti da studio e tecniche di produzione, tra cui phasing, flanging e panning spaziale. I Byrds introdussero anche il suono della pedal steel guitar e del sintetizzatore modulare Moog nella loro musica, rendendolo uno dei primi LP in cui appare il Moog. erano carichi di tensione, con conseguente perdita di due membri della band. Il chitarrista ritmico David Crosby fu licenziato nell'ottobre 1967 e il batterista Michael Clarke lasciò le sessioni a metà della registrazione, tornando brevemente prima di essere finalmente licenziato dopo il completamento dell'album. Inoltre, il membro originale della band Gene Clark, che aveva lasciato il gruppo all'inizio del 1966, si unì per tre settimane durante la realizzazione dell'album, prima di andarsene di nuovo. L'autore Ric Menck ha commentato che, nonostante questi cambiamenti nel personale e il conflitto che circonda la sua creazione, The Notorious Byrd Brothers è l'album più coeso ed etereo della band. The Notorious Byrd Brothers ha raggiunto il numero 47 nella classifica Billboard Top LPs e numero 12 nella classifica degli album del Regno Unito. Una cover della canzone di Gerry Goffin e Carole King “ Goin 'Back ” fu pubblicata nell'ottobre 1967 come singolo principale dall'album al lieve successo nelle classifiche. Sebbene The Notorious Byrd Brothers sia stato elogiato dalla critica al momento della sua uscita, ha avuto solo un discreto successo commerciale, in particolare negli Stati Uniti. L'album in seguito divenne ampiamente considerato come uno dei migliori album dei Byrds, nonché il loro più sperimentale e progressivo. L'esperto di Byrds Tim Connors ha commentato che il titolo dell'album evoca il vecchio West americano.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/watch?v=dwxXeY3BAjw

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

The Notorious Byrd Brothers è il quinto album del gruppo rock americano The Byrds, ed è stato pubblicato nel gennaio 1968, su Columbia Records. L'album rappresenta l'apice della sperimentazione musicale dei Byrds della fine degli anni '60, con la band che mescola elementi di psichedelia, folk rock, country, musica elettronica, pop barocco e jazz. Con il produttore Gary Usher, hanno fatto ampio uso di una serie di effetti da studio e tecniche di produzione, tra cui phasing, flanging e panning spaziale. I Byrds introdussero anche il suono della pedal steel guitar e del sintetizzatore modulare Moog nella loro musica, rendendolo uno dei primi LP in cui appare il Moog. erano carichi di tensione, con conseguente perdita di due membri della band. Il chitarrista ritmico David Crosby fu licenziato nell'ottobre 1967 e il batterista Michael Clarke lasciò le sessioni a metà della registrazione, tornando brevemente prima di essere finalmente licenziato dopo il completamento dell'album. Inoltre, il membro originale della band Gene Clark, che aveva lasciato il gruppo all'inizio del 1966, si unì per tre settimane durante la realizzazione dell'album, prima di andarsene di nuovo. L'autore Ric Menck ha commentato che, nonostante questi cambiamenti nel personale e il conflitto che circonda la sua creazione, The Notorious Byrd Brothers è l'album più coeso ed etereo della band. The Notorious Byrd Brothers ha raggiunto il numero 47 nella classifica Billboard Top LPs e numero 12 nella classifica degli album del Regno Unito. Una cover della canzone di Gerry Goffin e Carole King “ Goin 'Back ” fu pubblicata nell'ottobre 1967 come singolo principale dall'album al lieve successo nelle classifiche. Sebbene The Notorious Byrd Brothers sia stato elogiato dalla critica al momento della sua uscita, ha avuto solo un discreto successo commerciale, in particolare negli Stati Uniti. L'album in seguito divenne ampiamente considerato come uno dei migliori album dei Byrds, nonché il loro più sperimentale e progressivo. L'esperto di Byrds Tim Connors ha commentato che il titolo dell'album evoca il vecchio West americano.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/watch?v=dwxXeY3BAjw

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

OK Computer è il terzo album in studio del gruppo rock inglese Radiohead, pubblicato in Giappone il 21 maggio 1997 e nel Regno Unito il 16 giugno 1997. I Radiohead hanno registrato la maggior parte di OK Computer nella loro sala prove nell'Oxfordshire e nella dimora storica di St Catherine's Court a Bath nel 1996 e all'inizio del 1997. La band ha preso le distanze dallo stile introspettivo e incentrato sulla chitarra del loro album precedente, The Bends. I testi astratti di OK Computer, il suono densamente stratificato e le influenze eclettiche hanno gettato le basi per il successivo lavoro più sperimentale dei Radiohead. I testi dell'album descrivono un mondo irto di consumismo dilagante, alienazione sociale, isolamento emotivo e malessere politico; in questa veste, si dice che OK Computer abbia una visione preveggente dell'umore della vita del 21 ° secolo. La band ha utilizzato tecniche di produzione non convenzionali, incluso il riverbero naturale attraverso la registrazione su una scala e nessuna separazione audio. Gli archi sono stati registrati agli Abbey Road Studios di Londra. Il chitarrista Ed O'Brien ha stimato che l'80% dell'album sia stato registrato dal vivo. Nonostante le stime di vendita ridotte da parte della EMI, che considerava il disco non commerciale e difficile da commercializzare, OK Computer raggiunse il numero uno della classifica degli album del Regno Unito e debuttò al numero 21 della Billboard 200, l'album più alto dei Radiohead nelle classifiche statunitensi dell'epoca, e è stato presto certificato 5 volte platino nel Regno Unito e doppio platino negli Stati Uniti. È stato nominato per l'album dell'anno e ha vinto il miglior album di musica alternativa ai Grammy Awards del 1998. È stato anche nominato per il miglior album britannico ai Brit Awards del 1998. L'album ha avviato un cambiamento stilistico nel rock britannico dal Britpop verso un rock alternativo malinconico e atmosferico che è diventato più diffuso nel decennio successivo. Nel 2014 è stato incluso dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti nel National Recording Registry come “culturalmente, storicamente o esteticamente significativo”.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/playlist?list=PLxzSZG7g8c8x6GYz_FcNr-3zPQ7npP6WF

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

Everything Must Go è il quarto album in studio del gruppo rock alternativo gallese Manic Street Preachers. È stato pubblicato il 20 maggio 1996, attraverso la Epic Records, ed è stato il primo disco pubblicato dalla band dopo la scomparsa del paroliere e chitarrista ritmico Richey Edwards. Rilasciato al culmine del Britpop a metà degli anni '90, l'album è stato un successo commerciale e di critica, ha raggiunto il suo apice nel Regno Unito in diverse occasioni, debuttando e raggiungendo il numero 2 nella classifica degli album del Regno Unito e ha guadagnato alla band riconoscimenti nel Premi Britannici 1997. Ha rappresentato un cambiamento nel suono del gruppo a causa della partenza di Edwards. L'album è entrato nelle classifiche dell'Europa continentale, dell'Asia e dell'Australia, vendendo alla fine oltre due milioni di copie. Everything Must Go è spesso presente e votato molto nelle liste di uno dei migliori album di tutti i tempi da molte pubblicazioni musicali come NME e Q.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/playlist?list=PL_9gWeiShHFH4jKBrakdlLukalyFGPPIz

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

Crocodiles è l'album di debutto del gruppo post-punk inglese Echo & the Bunnymen. È stato rilasciato il 18 luglio 1980 nel Regno Unito e il 17 dicembre 1980 negli Stati Uniti. L'album ha raggiunto il numero 17 nella classifica degli album del Regno Unito. “Pictures on My Wall” e “Rescue” erano stati precedentemente pubblicati come singoli. Registrato agli Eden Studios di Londra e ai Rockfield Studios vicino a Monmouth, Crocodiles è stato prodotto da Bill Drummond e David Balfe, mentre Ian Broudie aveva già prodotto il singolo “Rescue”. La musica e la copertina dell'album riflettono entrambe immagini di oscurità e tristezza. L'album ha ricevuto recensioni favorevoli dalla stampa musicale, ricevendo quattro stelle su cinque dalle riviste Rolling Stone e Blender.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/playlist?list=PLqLObM6ZIYKdy2xM_IOqXbUKZPjimspM5

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

Tracy Chapman è l'album di debutto della cantautrice Tracy Chapman, pubblicato il 5 aprile 1988 dalla Elektra Records. L'album è stato registrato presso lo studio Powertrax di Hollywood, in California. Nel 1987, Chapman fu scoperto dal collega studente della Tufts University Brian Koppelman. Si offrì di mostrare il suo lavoro a suo padre, che possedeva una casa editrice di successo; tuttavia, non considerava seria l'offerta. Dopo diverse esibizioni, tuttavia, Koppelman ha trovato un demo tape di lei che cantava il suo singolo “Talkin' 'bout a Revolution”, che ha promosso alle stazioni radio, e alla fine è stata firmata con la Elektra Records. Nei primi tentativi di produrre il primo album, molti produttori rifiutarono Chapman perché non favorivano la sua direzione musicale. David Kershenbaum, tuttavia, ha deciso di produrlo perché voleva registrare un album di musica acustica. È stato registrato a Hollywood, in California, in otto settimane. La maggior parte della scrittura si basa su cause politiche e sociali. Tracy Chapman ha ottenuto il plauso della critica da un'ampia maggioranza di critici musicali, lodando la semplicità, l'abilità vocale di Chapman e il suo contenuto lirico politico e sociale. L'album ha ricevuto un successo commerciale nella maggior parte dei paesi in cui è stato pubblicato, arrivando in cima alle classifiche in molti paesi, tra cui Austria, Canada, Nuova Zelanda, Svizzera, Danimarca e Regno Unito. Ha raggiunto il numero 1 nella Billboard 200 degli Stati Uniti ed è stato certificato sei volte disco di platino dalla Recording Industry Association of America (RIAA), con vendite che superano i sei milioni di copie solo negli Stati Uniti. Tre singoli sono stati pubblicati dall'album, con il singolo di maggior successo commerciale “Fast Car”. La canzone è stata eseguita al Nelson Mandela 70th Birthday Tribute. È salito alla top ten della Billboard Hot 100 degli Stati Uniti e ha ottenuto buoni risultati anche in Australia, Nuova Zelanda, Irlanda, Regno Unito e altri paesi europei. Tracy Chapman è uno degli album più venduti di tutti i tempi.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/watch?v=4Df1GsPYEds

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

Hard Again è un album in studio del cantante blues americano Muddy Waters. Pubblicato il 10 gennaio 1977, è stato il primo dei suoi album prodotto da Johnny Winter.

Hard Again è stato il primo album di Waters su Blue Sky Records dopo aver lasciato la Chess Records ed è stato ben accolto dalla critica.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/watch?v=30Ohr-ymAXk

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

Peggy Suicide è il settimo album di Julian Cope. È generalmente visto come l'inizio del suono e dell'approccio caratteristici di Cope e come un punto di svolta per Cope come artista in maturazione.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/playlist?list=PLiIVRgMOACAeI3-YpJpGS9jwHZXMH6nFE

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit

immagine

Songs in the Key of Life è il diciottesimo album in studio del cantante, cantautore e musicista americano Stevie Wonder. È stato pubblicato il 28 settembre 1976 dalla Tamla Records, una divisione della Motown. Il doppio album è stato considerato dai giornalisti musicali come il culmine del “periodo classico” di registrazione di Wonder. L'album è stato registrato principalmente allo studio Crystal Sound di Hollywood, con alcune sessioni registrate al Record Plant di Hollywood, al Record Plant di Sausalito e alla Hit Factory di New York City; il missaggio finale è stato condotto al Crystal Sound. Nel 1974, Wonder era una delle figure di maggior successo nella musica popolare; I precedenti album di Wonder Music of My Mind, Talking Book, Innervisions e Fulfillingness' First Finale sono stati tutti successi di critica consecutivi. Tuttavia, entro la fine del 1975, Wonder prese seriamente in considerazione l'idea di abbandonare l'industria musicale e pianificò di emigrare in Ghana per lavorare con bambini disabili. I piani per un concerto d'addio erano iniziati, ma Wonder successivamente cambiò idea e firmò un nuovo contratto con la Motown il 5 agosto 1975. Questo prevedeva un contratto di sette anni, sette album e 37 milioni di dollari con il pieno controllo artistico. A quel tempo, era il più grande contratto discografico della storia. Songs in the Key of Life è stato pubblicato come doppio LP con un EP bonus di quattro canzoni. Ha debuttato al numero uno della Billboard Pop Albums Chart diventando solo il terzo album a raggiungere quell'impresa e il primo di un artista americano all'epoca. Sia il singolo principale “I Wish” che il singolo successivo “Sir Duke” hanno raggiunto il numero uno della Billboard Hot 100. Songs in the Key of Life ha trascorso tredici settimane consecutive al numero uno della Billboard 200, diventando l'album con il maggior numero di settimane al numero uno durante l'anno. È stato il secondo album più venduto del 1977 negli Stati Uniti. Nel 2005, Songs in the Key of Life è stato certificato Diamond dalla Recording Industry Association of America (RIAA). Songs in the Key of Life ha vinto l'Album dell'anno al 19esimo Grammy Awards. È l'album più venduto e acclamato dalla critica della carriera di Wonder. Ampiamente considerato come l'opera magnum di Wonder e uno dei più grandi album nella storia della musica registrata, molti musicisti hanno sottolineato la qualità dell'album e la sua influenza sul proprio lavoro; in effetti, alcuni musicisti di rilievo lo hanno definito il più grande album di tutti i tempi. È stato votato numero 89 nella classifica dei 1000 migliori album di tutti i tempi di Colin Larkin e si è classificato al numero 4 nella lista di Rolling Stone dei 500 migliori album di tutti i tempi. Nel 2002 è stato inserito nella Grammy Hall of Fame. Nel 2005, Songs in the Key of Life è stato inserito nel National Recording Registry dalla Library of Congress, che lo ha ritenuto “culturalmente, storicamente o esteticamente significativo.

Full Album: https://invidious.namazso.eu/playlist?list=PLjb5kMzP2zolSAPpMXR7_0MfYjEcDWQJO

#ascolti

HomeIdentità Digitale Sono su: Mastodon.uno - Pixelfed - Feddit