noblogo.org

Reader

Leggi gli ultimi post dagli utenti di noblogo.org.

from My Little Grundgestalts

A photo of daffodils, from Wim's blog.

A whimsical fedi music collaboration between Wim and Eidon. This is a twin post, the other version is on Wim's blog.

Here is the finished track. We hope you like it!

Eidon says:

“It all started from the title, really. “Daffodils”. Nice word, which reminds of many things – an Arcadia of beautiful flowers and their scent, or Wordsworth’s famous poem, for instance. Among the many spurious thoughts that such a word could evoke, there was one that triggered the resolve to create a piece of music from it: the presence of letters that can be interpreted as note names, together with others that can not. Of the many possible mappings, this one was chosen:

The theme of “Daddodils”: ‘D’, ‘A’, ‘F’, ‘F’, rest, ‘D’, rest, rest, (rest),

where ‘real’ notes where used when a music counterpart existed, and `imaginary’ (inaudible) notes otherwise. The singular form led to 8 quavers and an easy 4/4 metre. The result was found sufficiently interesting and worth pursuing, and a composition was started from there. Three voices, initially appointed to two electric guitars and electric bass, with the theme exposed and repeated by the first guitar, soon joined by the cortege of its companions, all moving in an ostinato slow-pace.

In retrospective, it is possible that, from the very beginning, it all was leading to Wordsworth’s poem – the choice of the tempo, for instance. Whatever the actual case, at some point it became clear that the connection with “I Wandered Lonely As A Cloud” had to be made explicit. At first we thought to only sing the poem’s final verses; and then Wim had the great idea to recite the whole poem.

The track was created with TuxGuitar, a nice tabulature editor whose notes input interfaces include guitar fretboards. So yes all the instruments you can hear in Daffodils have been composed… on guitar ^_^. Some of the sounds were produced via the Timbres Of Heaven soundfont, while for others we used MuseScore, after importing MIDI files exported from TuxGuitar.

The TuxGuitar UI

MuseScore is much more powerful than TuxGuitar. It allows to orchestrate voices from multiple soundfonts at the same time, for instance, and to export the voices as separate audio files. Once the voices have been chosen and isolated, we used Audacity to orchestrate them together. The original TuxGuitar voices were then mixed with MuseScore voices from the Sonatina Symphonic Orchestra, and the Nice Keys Suite soundfonts, plus that of a Steinway piano.

Audacity is perhaps not the best tool one could use, though it has certain valuable features. One such feature is so-called Envelope Tool: with it, it is possible to finely control the volume of each voice.

Each voice is wrapped in a “control envelope”, which changes the volume of the track proportionally to the ‘height’ of the envelope.

This allows fade-ins and fade-outs, and thus can simulate the entrance and exit of instruments. This has been used extensively in Daffodils! “

Wim says:

“Eidon wrote this great track “Daffodils” as he explained above, and he sent me a draft and asked if I could recite the verses from Wordsworth's poem. I don't know what he thought my voice would contribute to the work, maybe he wanted a Flemish-Scottish accent?

Eidon had in mind that I would recite the final two verses only:

And then my heart with pleasure fills,
And dances with the daffodils.

But I misunderstood him, and I recited the entire poem. That turned out to be serendipitous, as we are both happy with the final result. But I'm running ahead of myself.

I used my laptop's built-in mic as that is all I have. The audio quality is acceptable but far from great, so from the start I had this idea that I wanted to apply some distorting effects to the voice. I thought it might work well with the track which is quite modern and rather different from what a more conventional composer might associate with the image of daffodils.

I'd never done this before, so it was an interesting experiment. I used Audacity for the recording and for all processing.

I recorded the audio in two takes, and combined the best parts. There is nothing to say about the recording: I just read the poem out loud, at a pace that seemed natural to me.

First I improved the audio quality. I knew from past experience that a good way to do it is to apply the following effects: • Noise Reduction with default settings • Equalisation (Graphic EQ) with the “Bass Boost” preset • Compressor with default settings • Reverb with the “Vocal I” preset

I then also doubled the voice, with a very slight shift between the tracks, so there is no perceptible echo but the sounds is a little bit fuller.

Initially I had wanted to use only the vocoder. But Audacity's Vocoder effect is not quite what I had in mind.

The default setting for the Vocoder results in a rather tame distortion. My settings are

Distance: 50.0 Output choice: Both channels Number of vocoder bands: 60 Amplitude of original audio (percent): 100.0 Amplitude of white noise (percent): 0.0 Amplitude of Radar Needles (percent): 50.0 Frequency of Radar Needles (Hz): 80.0

The result is a bit like speaking through a tube, with added radar needles, a series of short pulses which give a robotic effect.

I found that the Phaser could introduce some interesting distortions. Again, the default effect is quite tame. I used the following setting, on a separate copy of the voice track:

Stages: 20 Dry/Wet: 180 LFO Frequency (Hz): 0.6 LFO Start Phase (deg.): 50.0 Depth: 120 Feedback (%): 75 Output gain (dB): -3.0

The result is a space-like oscillator sound overlaying the speech.

I was still not happy with the result so I added another copy of the voice track Reverb using the “Church Hall” preset, which gives a huge echoing sound.

I combined these three tracks with the original one, taking care that I did not entirely drown out the recitation.

I then combined this track with Eidon's music. I tweaked the pauses between the verses to match the music and tweaked the volume of the voice here and there.

The final verses are repeated three times, because somehow I thought that fit with the music.”

Eidon says:

“No greater bias than the authors’ opinion, maybe, though we are quite pleased with the results. Music and verse dance together, and hearts with pleasure fill. Therefore, it is likely that this first move into musical/poetical co-creation shall be followed by new experiments soon!”

The track is available on OpenTube:

on PeerTube.uno:

and on FunkWhale:

Daffodils and Other Stories will grow little by little on FunkWhale:


Creative Commons Licence
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License. By Wim and Eidon, https://octodon.social/@wim_v12e, Eidon@tutanota.com.

 
Read more...

from Come ti salvo il mondo

unmondomiglioreunmondofelice

E' tanto che ci penso, non so perchè, ma ci sono delle cose che uno è spinto a fare per non si sa quale ragione precisa. Forse per il desiderio di vivere in modo sereno senza tutte quelle preoccupazioni che esauriscono la tua energia vitale, quella che ti fa apprezzare le cose semplici e farti sentire appagato e felice.

In questo nostro povero mondo è raro avere questa percezione di felicità, e anche se la provi dura poco, davvero poco, ma lascia il segno, il desiderio di ripetere l'esperienza, e allora ecco che nasce la necessità di ricreare le condizioni per replicarla.

Certo ... molto dipende dal punto di vista personale delle cose, e altro dipende da cosa ci gira intorno, ma ancora più certo è che si può essere felici solo se tutti intorno a noi sono felici.

Il bello è che tutti possono essere felici se hanno la possibilità di vivere senza quelle preoccupazioni che esauriscono l'energia vitale che permette di goderne (come sopra insomma).

Da qui è facile capire che è essenziale eliminare la fonte di preoccupazioni. E' una parola!? Diciamo che è una impresa mastodontica, ma possibile. Non tutti saranno disposti a lavorarci perchè ammalati di opportunismo, ma con i giusti passi capiranno che conviene anche a loro se non sentirsi felici, almeno consentire la felicità degli altri. Forse è il caso, intanto, di riflettere su questo concetto e sui benefici personali e collettivi di cui tutti godremmo. Buona vita alle anime belle.

 
Continua...

from Gippo

Non devo essere io a dirvi che viviamo degli strani tempi. Qualche anno fa mi piaceva gingillarmi con la fantasia dell'indie game developer e partecipavo a piccole jam (che vuol dire “marmellata”) con l'atteggiamento di chi non pensava troppo alle conseguenze della sua piacevole distrazione da nerd. Oggi mettermi a fare un videogioco come SUPERMARCO Tennis, di cui vedete un'immagine qui sotto SUPERMARCO Tennis mi sembra un'impresa improba. Improba perché non c'è la testa, non perché manchi il tempo. Improba perché l'immaginazione e le minime facoltà logiche richieste per l'impresa rischiano di venire fagocitate dall'incertezza di questi tempi che, come ho detto in apertura, sono strani.

SUPERMARCO Tennis (attenzione: SUPERMARCO si scrive sempre, rigorosamente, tutto maiuscolo) doveva essere un gioco di tennis, sport non di contatto quindi praticabile in sicurezza anche in tempi di Covid. Tuttavia, se al termine della partita vi piace scambiarvi un bacio sulla bocca col vostro avversario, anche il tennis può essere uno sport pericoloso in tempi di Covid.

E, a questo proposito, avete notato come siamo passati da “L'amore al tempo del coronavirus” cioè un contesto in cui è coronavirus il termine dominante, a “Il tennis al tempo del covid” cioè un contesto in cui questa snella e agile parolina (covid), attraverso una selezione naturale del linguaggio, finisce con l'andare per la maggiore. Aveva ragione Burroughs, è la parola il virus. Il che non è un'affermazione da negazionista ma semplicemente la constatazione che il nostro salto evolutivo è avvenuto con la parola che si è insinuata nel nostro cervello, nel nostro sistema nervoso, fino al punto che non possiamo farne a meno per tracciare una mappa del nostro ambiente esterno e, soprattutto, interno.

Comunque, tornando a noi, non posso sviluppare SUPERMARCO Tennis perché diventerebbe solo un esercizio zen.

“Maestro, là fuori la pandemia infuria, cosa devo fare?” “Mettiti davanti al PC e sviluppa SUPERMARCO Tennis.” “Ma che senso ha, maestro?” “Te, dopo tutto 'sto tempo a frequentare maestri zen, non hai ancora capito un cazzo, eh?”

SUPERMARCO Tennis era nato qualche anno fa, quando mi dilettavo, ogni estate, in un torneo di tennis amatoriale di quelli giocati utilizzando racchette reali e campi da tennis non virtuali. Avevamo creato un sito, una chat e infine, un giorno, avevo pure messo online un giochino bruttissimo fatto col Construct 2 e le nostre facce sugli sprite dei giocatori. Il classico devertissment (mettete accenti a casaccio sulle e).

Il ricordo è un qualcosa di molto labile, fugace e ingannevole perché a me sembrava che quel giochino fosse una gran figata, se mi si perdona questo linguaggio grezzo e giovanile. Difatti, ricercando affannosamente questo parto del mio ingegno fra i meandri dell'hard-disk e infine trovandolo, mi sono reso conto che era una vera porcheria. E allora perché mi era sempre rimasta in testa la fantasia che un giorno l'avrei ripreso, rivisto, risviluppato per renderlo un piccolo gioiello?

Beh, a mio avviso aveva una idea molto carina che non ho visto proposta in molti giochi: doveva essere un tennis con visuale laterale. Il modello di riferimento era un gioco di pallavolo che forse molti di voi, anziani quanto me, avranno giocato nei cabinati: “Super Volleyball”. Un gioco che continuo a considerare divertentissimo e che ha addirittura superato la prova del tempo appassionando mio nipote in sfide uno contro uno. Lo trovate in giro come rom per il MAME e di seguito vi mostro un'immagine per permettervi di identificarlo. Super Volleyball La realizzazione grafica del personaggio SUPERMARCO è invece casuale. E' necessario che il mondo sappia che il mio programma preferito per l'editing della pixel art è una applicazione semplice semplice fatta con Adobe Air (che non viene più sviluppato, come sapete) la quale si avvia predefinita con uno spazio di lavoro adatto a creare uno sprite di dimensioni 16x16. Ecco, a volte la apro e mi metto a fare piccoli personaggi. SUPERMARCO, fra i vari, mi è sembrato particolarmente adatto per il mio gioco di tennis. Tutto qui.

Stavo pensando ad un modo deprimente per chiudere questo post, ma non mi viene in mente. E allora chioserò invece con due curiosità stuzzicanti!

  1. Lo sapete perché SUPERMARCO si scrive sempre tutto maiuscolo? E' molto semplice. Mi piaceva l'idea di scriverlo tutto attaccato, in una sola parola, ma non mi piaceva l'idea di tenere la m centrale minuscola (“Supermarco”), pur rifiutando l'eventualità di tenerla maiuscola lì al centro (“SuperMarco”). Ovviamente ho escluso subito l'ipotesi di scrivere tutto minuscolo (“supermarco”), quindi…

  2. Avete notato che SUPERMARCO, pur essendo il protagonista di un gioco di tennis, non ha alcuna racchetta in mano? Pensateci su. E' un esercizio zen.

 
Continua...

from Taurinorum@noblogo.org

rivolte piazze

After the summertime in which the national government haven’t done anything good on the contrary the Italian government supported by the mainstream narrative has self-praised itself for the ‘Good Model’ on facing the covid pandemic a model praised internationally too. On this blog I’ve always reported about the Italian situation and the covid pandemic, despite the virus we had local elections on September, which initially were scheduled on last springtime at least have been postponed because of he lockdown, plus a national referendum which involved the entire Nation, this happened on the 20th of September just a month ago no restrictions at all, Italians gather together for voting and most of the actual regional governors have been re confirmed as it’s the case of Vincenzo De Luca of the Democratic party confirmed again as governor of the Campania region. Vincenzo De Luca or rather the sheriff, the man of order that always went on TV and got famous for his sparkling speech and supposed to be authoritative attitude on which too many Naples people have relied on believing it would have saved them from the deadly virus. Vincenzo De Luca regardless of the National Government imposed by his personal decision hard measures and restrictions, lockdowns and curfew that has provoked the people rebellions, like the virus, this anger accumulated and brooded throughout Italy has exploded, it was inevitable after the patience and the sacrifices made, the people now are pissed off. rivolte piazze The National Government is the only responsible for the actual situation of social disorder and high tension, De Luca not happy asked to the government to impose another lockdown which means the suicide of the Nation, to all Italy, considering the violent reaction of the people of Napoli the government introduced an half lockdown measures translated it’s a clear Goodbye nightlife and free time. During the night Conte signs the new DCPM. The government then decides to close cinemas, theaters, gyms, swimming pools and ski resorts. Also stop at bars and restaurants after 6pm, even on Sundays and public holidays. The provision comes into force from Monday 26 October until 24 November. On a hand the owners of these business have lost huge of money during the first lockdown of March and furthermore have been forced to spend a lot of money to equip their business in order to prevent the virus spreading and of course to protect customers, on the other now in spite of all sacrifices with further new restrictions are giving the final coup the grace to a sector that gives to work to a lot of people in all the country. rivolte piazze During all this time there’s only one business that really never stopped is the business of welcoming fake refugees, on the contrary soon after the local elections the government has changed the so known ‘Securities Salvini acts.’ Introducing the humanitarian permit given to all illegal migrants transported in the Italian territory by Ogn and various smugglers the formal invitation to get here, various independent little ships from Tunisia came and still are coming to the Italian ports independently, even the kidnapping of 18 Italian fishermen of Sicily by the Haftar militia, the General supported by Macron, as a retaliation for having arrested and taken to court four Libyan smugglers responsible of the death of 49 people on the so called August Massacre of 2015, I’ve wrote a post about check it out. rivolte piazze While I’m writing there are ongoing violent demonstrations round Italy, in Rome last night it was particularly hard for the law enforcement to contain the pissed off well organized group of demonstrators, the press associated this to the far right groups but it isn’t even a news, anytime and anywhere the finger was and still is pointed on the ‘Fascist’ groups that infiltrate peaceful demonstrations to create disorder and to provoke the inevitable repression by the law enforcement.

Torino 26 October chronicle of the demonstrations

rivolte piazze With other friends we catch up at 8.30 pm somewhere in the center of Turin we were almost 30 people plus others who have joined later on even a bit more, from the web we know there are clashes with the police in a central street of Turin that link two big squares, Castello square it’s where there are the Region of Piedmont offices while Vittorio square which its even bigger and close to the Pò river Is the place where the demonstrators had the permission to demonstrate. We avoided the chaotic situation of course, we are not looking for trouble so we took a parallel itinerary to join the Vittorio square, arrived at the square, as said before it is very big as typically in Italy there are association of local small business in a peaceful sit in, there are police vans at every main access to the square and we can hear on the background the noises of the clashes the violent demonstrators are pushed away and reached the main street of Torino, the most exclusive street of the center for the stores and commercial purposes the famous ‘Via Roma’. rivolte piazze From the Turin central station there’s a small little park that separate the beginning of Via Roma surrounded by portico on both side, after Bologna Torino is the second city of Italy who have long km of portico and during the night time you can see how in the recent years too many homeless are using it as refugee from the winter cold which in Torino is very hard indeed, via Roma go through three squares, a little one called C.L.N. square then you enter to San Carlo square which is a big one with the typical horse statue, the square where football supporters gather together to celebrate party time then via Roma goes on till Castello Square, the price to pay to hire a business in that area its very expansive of course so the stores you can find out in Via Roma are of prestigious brands. Those violent groups of demonstrators where pushed away and have reached via Roma, strangely there were no one blocking them from entering Via Roma and it is there that the last fight took place, with a looting attack towards some store in particular a Gucci one, the law enforcement in the end managed to arrest some people and came out it was about local antifa plus some migrants too in the end a sort of BLM intervention who misled the mainstream and all the usual commentators who attribute blame to phantom neo-fascist groups which they always ask to be outlawed. Same story in other towns in Napoli on the dock the press put the local organized crime and of course the neo-fascist regardless of verifying the truth, this narrative no longer holds up as when you have demonstration in all the major towns of the country of course it can’t be that the entire demonstrators are neo-fascist otherwise we would have a different political situation of course, the opposition it’s asleep or at least powerless and unheard keep on talking about what should have be done that the government didn’t missing precious time and badly spending public funds on useless things as scooters and school drenches with wheels instead of increasing the public transport to really maintain social distancing, well it’s a good point indeed, but the opposition too it’s aware of how hard it is for any national government to really intervene in this delicate dramatic situation. rivolte piazze All knows but no one dare to clearly speak up, the point is the same Italy exiting this fake EU getting back its Monetary Sovereignty and with a serious plan of relaunching of the national economy via a central national bank capable of doing what any central banking system in the word does or rather printing money and giving loans to let the cash circulate in the national economy helping straight away those local business that are now early to collapse because of the covid and stubborn blind servants of this fake EU. It is clear that the goal of the doormat ruling class of Italy is to put the Nation on its knees to then ask for the EMS European mechanism of stability which it’s a loan cash on hand bound to specific expenses but substantially means to transfer the economic management and therefore the real government of the Nations to foreign financial organizations, in this scenario it is clear it’s going to be a revolution and the outcome are unpredictable now. After having attended the demonstrations and having read comments on social media of various journalist vip of the left-wing area it is just a solid confirm of how these people keep on distorting reality and are just doing a shameful propaganda, there is no Fascism authoritarian power now in Italy there’s a coalition government controlled by the eurocrats with the help of the President of the Republic and the Vatican State, recently the President of the Republic which is the leader of all armed forces had a meeting with all the Chief Commanders of the various element of the army, meanwhile the close France it’s about to announce a new lockdown it is probable at this stage to prevent further demonstrations that the government soon will follow Macron decision and in that case it’s going to be a dramatic scenario I can’t figure out how bad it’s going to be. rivolte piazze

While all the West it is in this situation China have resolved the pandemic situation and seems also they have a vaccine or a valid treatment to cure covid, the Chinese economy is the only one who is growing faster at the moment and appear probable now to many people to think about covid as a sort of chemical weapon used to put the Western world on its knees, there are the American elections and if Trump would be confirmed again it is probable that a military intervention would be on its table ready to go, at the moment the American navy moved from the Mediterranean sea and positioned itself in front of China borders, EU too as invested a lot of money in the last decade on increasing military expenses and in terms of military power it is well equipped too, If this is the third world war well we have just tasted a bit of it, the real one with military movements it’s about to come and as already written on this blog the restrictions, lockdown and curfews were just imposed to accustoming people to a real war scenario that it can be a reality pretty soon, considering Italy M.U.O.S. which allow the digital tele communications of all military navy, drone etc. and other military sites on the whole territory it all explain why Italy was the first country to be hit by the covid, Italy it is a strategic military target no doubt.

 
Continua...

from Marco-san

Siamo sempre più spesso, tutti, a casa. È difficile fare sport, è difficile avere voglia di qualunque cosa, è difficile uscire.

Non capisco se è più corretta la mia posizione, quella di accettare che queste cose sono un casino (e non fare praticamente niente, per resistere al prossimo lockdown mi sono comprato una playstation) oppure quella di cercare di combatterle, a mio avviso inutilmente (a meno che uno non sia un medico, un infermiere, un dipendente di una pubblica amministrazione, certo.)

Riconosco che in questo momento ho due ossessioni: quella solita sulla scuola, sarebbe bello ad esempio che ci fosse un modo per non valutare negativamente i ragazzi che non hanno voglia di irregimentarsi, tipo all'asilo e quella sul digitale. È incredibile l'ignoranza mia e di altri su un tema così importante.

Do tanta importanza a questo tema perché sta avendo un'importanza preponderante sulle nostre vite, e non sono solo i social network, la cui importanza non sono sicuro di capire (mi sembra assolutamente sovradimensionata) nella discussione politica, ma è anche il fatto che, con il digitale, più o meno ogni cosa che può essere automatizzata, lo sarà. E questa è un'opportunità gigantesca. Quanto bello sarebbe eliminare tutte le routine e farle fare, meglio, ad una macchina? Quanto bello sarebbe che così come impariamo agli scout a relazionarci con le altre persone, così imparassimo a scuola ad utilizzare e a scrivere il codice?

Un cellulare ripreso figo!

Gli approcci che ho seguito fin'ora sono due.

Quello sulla sicurezza informatica: creare un modello di rischio (praticamente nullo) ed implementare proattivamente soluzioni che vadano a combattere questo rischio. In pratica questo e il fatto che chiunque nella mia rete stretta sa che può chiedermi dritte su come migliorare la propria privacy online.

Quello politico e civile, consiste nel cercare, sempre, di sostenere aziende che non siano monopoliste e partiti che abbiano a cuore i diritti civili e digitali. La certezza è che se continuiamo a permettere che Google, amazon, facebook e simili siano monopolisti, impediamo ad una nuova innovazione di nascere. E questo è un problema. Negli ultimi anni la produttività è cresciuta moltissimo, i salari sono rimasti uguali, l'occupazione è diminuita. È un problema, perché siamo più piccoli e meno difesi. È un problema perché se ne approfittano le destre. È un problema perché l'automazione potrebbe creare un mondo pazzescamente migliore (sogno un TPL automatizzato e che arriva ovunque) ma non lo sarà mai se noi persone fisiche non ne conosciamo i funzionamenti.

Ciao!

 
Continua...

from I miei piccoli Grundgestalt

Orochi (おろち), di Kazuo Umezo.

Orochi è un mio piccolo esercizio di composizione. Un brano dedicato al famoso manga おろち di Kazuo Umezo.

Le tre voci di Orochi sono affidate a contrabbassi pizzicati, batteria, chitarra elettrica e classica, liuto.

Il video è una rappresentazione tridimensionale del Grundgestalt generato dal seme “0011112222222” con il software Permutation-feedpovray.

Spero vi piacciano!


Composto tra il 22 e il 24 ottobre 2020. © Eidon (Eidon at tutanota.com). All rights reserved.

 
Read more...

from Gippo

Negli anni passati, molti negozi hanno chiuso. Mi piaceva mesi fa passeggiare davanti a quei locali, le serrande ancora abbassate, con un senso di sollievo e di speranza. “Bene” pensavo “questa assurda fase economica è passata, adesso pian piano ne comincerà una nuova, una in cui saremo tutti più felici e consapevoli”. Non era il discorso di chi pregusta la fine del capitalismo dal volto disumano. Sapevo bene infatti che la GDO, la Grande Distribuzione Organizzata, con le sue catene e i suoi centri commerciali, aveva cannibalizzato tutti i piccoli negozietti, magari riciclando qua e là i soldi da ripulire della malavita, anch'essa Organizzata.

In tema d'aprire un negozio, pensavo sempre all'esperienza della figlia di alcuni nostri amici. Vari anni fa si reputava di sistemare la propria discendenza aprendo degli esercizi commerciali, solo che quando l'ha fatto la figlia dei nostri amici era già evidente che si trattava già di tutta un'altra fase storica: più che l'idea di “sistemare” c'era l'idea del “passatempo” e della “attività di copertura”, ovvero un'alternativa prestigiosa al lavorare, se non addirittura uno sciupio di risorse a mo' di status symbol.

“Che fa tua figlia?” “Ha un negozio.”

Oggi un negozio è troppo costoso come alternativa al lavorare e assorbe troppe risorse anche come status symbol. Meglio altri giochi di ruolo. Se tua figlia vuole aprire un esercizio occorre considerare il settore “estetista e parrucchiera”. Tuo figlio invece può rilevare un bar o comunque qualcosa nel settore “food” (anzi, poteva: aspettiamo come va questa faccenda dei coprifuochi). Insomma, oggi bisogna tenere sempre un occhio, se non due, al mercato. E anche tenendoceli non è detto che vada bene, perché la concorrenza è tosta e la crisi permanente. Dentro al negozio poi, ci devi lavorare e parecchio; niente spazio per boutique fai da te, tenute con la signorilità dello stilista di moda de noantri. Poi, certo, c'è chi ce la fa con un'idea nuova, un buon senso degli affari, un certo impegno, qualche spicciolo a fondo perduto... ma tristemente non si parla manco più di start-up con la frequenza di una volta.

Con queste penose considerazioni in testa passeggio pigramente, l'altro giorno per le strade del mio quartiere, quando vedo, quasi come un fungo comparso dalla sera alla mattina, un nuovo negozio.

Negozio E' una splendida giornata e nell'aria c'è un'atmosfera serena. Il cielo è limpido e sgombro di nubi. E' una delle classiche ottobrate piene di sole, dono gratuito che la natura ancora ci riserva, nonostante tutto. Sbircio oltre la vetrina: c'è una ragazza dai lunghi capelli neri dietro un bancone collocato al centro dell'esercizio, che è ampio e luminoso quasi quanto il cielo del mattino. Il negozio vende cialde per il caffè. Le mensole, non troppo stipate, mostrano questo tipo di merce declinato in una serie di marche diverse e colorate. Non so perché ma sento improvvisamente il bisogno di entrare. “Buongiorno!” mi dice la ragazza volgendosi completamente nella mia direzione. Mi sorride in modo aperto ed elegante. “Buongiorno.” rispondo io. La bellezza del suo sorriso non può che spingere anche me a mostrare lo stesso segno di cordialità. “Sono felice che sia entrato...” dice lei, la carnagione diafana e liscia come porcellana, il vestito di seta fiorata. E' gentile ma non affettata e sembra sinceramente contenta del mio ingresso. “La ringrazio...” faccio un po' imbarazzato. Mi guardo intorno. Valuto per un attimo l'idea di comprare qualche cialda per il caffè ma mi sentirei in imbarazzo a fare una cosa del genere solo per compiacerla. Non provo alcuna tensione sessuale ma solo uno strano, calmo benessere. Poi, anche se è bellissima, mi sembra quasi un sacrilegio abbozzare un flirt e rovinare quella sensazione. Decido allora di dirle cosa mi ha spinto ad entrare. “Vede, io passavo di qui. Questo è il mio quartiere... in realtà ho una moka e compro il caffè al supermercato e ne ho pure una grossa scorta e... ecco, sono passato di qui, ho visto questo negozio nuovo e m'è venuta la curiosità di visitarlo.” “Ha fatto benissimo” risponde lei senza abbandonare per un attimo l'atteggiamento amichevole “Capisco bene le sue intenzioni, lei desiderava accoglierci come nuovi ospiti.” “Sì, proprio così!” dico io, felice di essere stato ben interpretato “Accogliervi come nuovi ospiti. Ecco, vi do il benvenuto!” esclamo colto da un maldestro entusiasmo. “Grazie” replica lei divertita. A forza di sorridere e guardare il suo sorriso, mi porto improvvisamente la mano alla guancia. “Non ho la mascherina!” esclamo “Mi scusi ma stamattina avevo proprio dimenticato di indossarla però dovrei averla da qualche parte, qui, in una tasca...” Armeggio un po' affannosamente con le mani nelle varie tasche del giubbetto, prima di rendermi conto che neanche lei indossa una mascherina. La guardo in viso e scopro che non ha mai tolto dalla bocca il suo sorriso gentile. Mi osserva solo con l'aria di chi si chiede: 'Ma quanto ci mette ad accorgersene?' Quando legge nel mio sguardo che ho realizzato, riprende a parlare. “Potremmo sederci qui sotto, nascosti dal bancone. Ho due piccoli sgabelli, così nessuno ci vedrà da fuori.” “Ma così è come se lasciasse il negozio incustodito! E poi non ha altro da fare, non deve almeno mostrare di lavorare? Come le ho detto, io non intendo comprare cialde, quindi tecnicamente non sarei nemmeno un cliente...” “Il negozio non sarà incustodito. Posso percepire chi entra, anche da qui dietro. Se chiacchieriamo un po' sotto il bancone il tempo passerà, per me, in modo più piacevole.” Mi sento lusingato vedendola disporre due piccoli sgabelli pieghevoli molto bassi dietro il bancone. Mi invita con un gesto delicato della mano e si siede assieme a me con una grazia quasi ultraterrena. “Non ha altro modo di passare il tempo?” le chiedo, ancora un po' insicuro “Che so... uno smartphone?” Lei ridacchia allegra a quella domanda. “No.” mi risponde infine “Non ho smartphone. Ovviamente.” Cosa c'è di così ovvio? La guardo e per la prima volta colgo nei suoi occhi un guizzo strano, come una irridente compassione nei miei confronti. Dura un attimo. “Da quanto tempo avete aperto?” “Da stamattina.” “E non avete fatto una festa di inaugurazione? Ah, no, scusi... dimenticavo le restrizioni...” “Non è per quello” dice lei. “Per che cos'è allora?” “Lo sai bene.” scandisce calcando le parole e fissandomi negli occhi. Cosa dovrei sapere? Seduti io e lei su quei bassi sgabelli sembreremmo, ad una occhiata superficiale, come due bambini dell'asilo che fanno i loro giochi segreti. Siamo totalmente isolati dal mondo esterno, nessuno può guardarci e sentirci. Il suo tono improvvisamente assertivo mi mette addosso un inspiegabile imbarazzo. Nel suo sguardo sembra ora esserci una nuova consapevolezza e una inedita determinazione. “Smartphone... Non possiamo usare nessuna tecnologia che possa interfacciarsi con la loro” mi spiega “Dobbiamo ignorarli.” Le sue parole sono come uno schiaffo. Mi guardo attorno come per cercare una via di fuga ma quel bancone mi sembra enorme. “Guardami!” mi dice lei autoritaria riportando il mio sguardo sul suo viso. Le sue parole cominciano a farmi paura, una paura lontana e indefinita. Soprattutto perché mi pare di poter comprenderne, seppur molto vagamente, il senso. Lei si accorge del mio disagio e il suo viso si raddolcisce. Posa una sua mano sulla mia. “Abbiamo aperto questo negozio senza dichiararlo a nessuno” continua a spiegarmi pazientemente “Vediamo cialde di caffè ma non solo e non sempre. Se qualcuno dovesse denunciarci o segnalarci alla polizia municipale saremmo d'un tratto chiusi. Ma solo per un po'. Poi riapriremmo. E io sarei qualcun'altra. E il negozio non sarebbe più un negozio di cialde di caffè. Il punto è non esistere. Non interfacciarsi. L'acciaio, la plastica e il silicio sono materiali diabolici, l'unica via è di evitarli e usare qualcos'altro.” “Io... io non ti capisco.” “Dobbiamo nasconderci” continua imperterrita “Ci scoprono, ma cosa trovano? Un fantoccio. Un simulacro. Una scatola vuota. Però dobbiamo esserci, forse non sempre e non solo nello stesso posto, ma esserci. Poi sparire. E tornare di nuovo.” “Cosa...” “Dobbiamo preparare il futuro. Loro ormai hanno fallito. Ma questo è il momento più difficile. Non si tireranno indietro così facilmente. Sono disperati. Venderanno cara la pelle. Per questo dobbiamo esserci, preservare, presidiare, ma continuare a nasconderci e intanto costruire quello che verrà dopo...” “Ma... chi siete? E chi sono loro?” dico con la testa sempre più confusa per quell'incalzante successione di frasi sibilline. “Chi siamo, vorrai dire...” mi corregge includendo anche me nella sua misteriosa fazione. Il tono di voce si è fatto ora più basso e più caldo. La ragazza sposta la sua mano su, verso il mio braccio, con un gesto languido. Le sue labbra sono socchiuse e le sue pupille umide e dilatate. “Forse, uno di questi giorni, potremmo trascorrere insieme dei momenti di tenerezza” mi dice in un sussurro. In quel momento entra un uomo vestito di una strana tuta argentea (una tuta argentea?), il volto stravolto da un terribile senso d'urgenza, le movenze nervose e concitate. “Svelti, stanno arrivando! Dobbiamo sparire!” urla. “Sono già qui?” chiede lei con sguardo allarmato. Subito si gira verso di me. “Sono già qui!!!” grida “Fuggi! Non farti trovare!” “Eh?” dico. “Fuggi, svelto!” Mi spinge fuori dal negozio con una forza insospettabile e io comincio a correre al grido dei suoi “scappa! scappa!” con l'intenzione di non voltarmi. Ma non posso non farlo. La guardo, il vestito mosso dalla leggera brezza di ottobre, i lunghi capelli corvini che scivolano sul collo esile. “Che ne sarà di te?” chiedo ansioso. “Non preoccuparti per me” risponde lei “Riassorbiremo la sacca temporale. Ma adesso va via!” Stavolta corro, stranamente rassicurato, e non mi giro più indietro.

Il giorno successivo, torno dov'era il negozio di cialde. Più nulla. Chiuso. La sacca temporale si era riassorbita. Ma continuerò a passare di lì.

 
Continua...

from My Little Grundgestalts

My latest composition, “Esercizio no. 16” (Exercise no. 16):

Three voices, which I assigned to soundfonts of a Steinway piano, a Otto Rubner double bass from 1958, and percussions.

Video is obtained via https://github.com/Eidonko/Permutation-feed-povray with as input the string “000011112222”.

Resulting Povray file was edited by changing the camera structure as follows:

camera {
   sky <0,0,1>          //Don't change this
   direction <-1,0,0>   //Don't change this  
   right <-4/3,0,0>     //Don't change this
   location  <300+clock*43000,300+clock*clock*43000,300+clock*43000>  //Camera location
   look_at   <-400,0,0>    //Where camera is pointing
   angle 1      //Angle of the view--increase to see more, decrease to see less
 }

The audio is also available on

#funkwhale

and

#peertube

and on mastodon:

Composed on October 18—20, 2020.

Both video and audio are by Eidon and © Eidon (Eidon at tutanota.com). All rights are reserved.

 
Read more...

from नचिकेतस्

La brutale uccisione di Samuel Paty, il docente francese colpevole di aver mostrato le vignette di Carlie Hebdo durante una lezione sulla libertà d’espressione, mi ha colpito profondamente. Mi ha colpito perché sono un docente, perché sono laico, e perché negli stessi giorni ho tenuto nella mia terza una lezione sulla libertà d’espressione. Mi spiace che quella tragedia, che tanto sta facendo discutere in Francia, da noi non susciti grande interesse, e al tempo stesso ne sono un po’ sollevato, perché il livello del dibattito pubblico nel nostro Paese è infimo, e non ci sarebbe da aspettarsi molto di diverso dalla più becera islamofobia.

Confesso di essere stato tentato anch’io dalla rabbia. Di aver pensato che noi laici abbiamo conquistato la libertà di parola con il sangue di Giordano Bruno e di Giulio Cesare Vanini. E che è insufficiente ripetere fino alla nausea che “l’Islam è pace”, se poi si decapita qualcuno in nome di Allah. Ma è, appunto, una tentazione, e se cedere ad alcune tentazioni può essere cosa buona e giusta, cedere a questa tentazione è un errore grave.

Come docente italiano, e docente laico, una tragedia simile mi spinge a riflettere sull’istituzione di cui, con disagio sempre crescente, faccio parte. Io insegno filosofia e scienze umane. Insegno a studenti italiani, albanesi, romeni, nordafricani, centrafricani, sudamericani. Insegno la filosofia europea, perché così si vuole nel nostro Paese. E insegno le scienze umane dal punto di vista occidentale. Insegnando antropologia, faccio anche lezioni di antropologia della religione. E dal momento che non credo troppo nella scuola lezione-libro-interrogazione, cerco di far in modo che gli studenti incontrino dal vivo la diversità religiosa. Li porto, ad esempio, alla locale sinagoga, dove apprendono la storia, le vicende e le usanze della piccola comunità ebraica della città. Mi piacerebbe che potessero anche incontrare l’imam, perché nella città ci sono molti musulmani, e musulmani sono anche diversi studenti, e credo che sia importantissimo conoscere un punto di vista sull’Islam diverso da quello superficiale ed esterno dei mass-media. Ora so che no, non si può fare. L’imam a scuola spaventa. Se lo proponi, ti senti dire che la proposta dev’essere approvata dal Consiglio d’Istituto. E lì basta un genitore islamofobo per bloccare tutto. Questo in un Paese in cui non è infrequente che il vescovo locale faccia visita a questa o quella scuola in pompa magna, accolto da una folla di bambini festanti.

Provo a mettermi nei panni di uno studente musulmano. Sappiamo che il profilo dello studente attentatore è simile in diversi Paesi (ne parla Francesco “Bifo” Berardi in Heroes, Baldini e Castoldi): ragazzi che vivono un forte senso di esclusione, che alimenta un sentimento di rivalsa. Nelle nostre scuole l’Islam è il convitato di pietra. Compare sporadicamente, come una presenza imbarazzante; raramente c’è modo di parlarne in modo aperto, con la competenza necessaria. Uno studente musulmano (non solo lui, a dire il vero) sente di appartenere non tanto a una sottocultura, quanto a una controcultura. È lì che la società lo colloca. Finisce per lo più per vergognarsi di essere musulmano, abbracciando con un senso di liberazione i valori dominanti (e con le comprensibili, dolorose fratture con la sua famiglia); ma può succedere anche il contrario: che si chiuda nella sua identità, che faccia proprio lo sguardo dell’altro e diventi ciò che si crede che lui sia. Che reagisca al rifiuto generale della società nei confronti della sua cultura con un uguale rifiuto che, in particolari condizioni, può esplodere con violenza.

Inclusività è una delle parole chiave della scuola italiana. Non c’è documento scolastico – non c’è pezzettino di quella scuola di carta che si sovrappone ormai alla scuola reale – che non la piazzi nei punti strategici. Ma la scuola italiana è davvero inclusiva? Culturalmente no, non lo è. Lo studente straniero non è il portatore di una diversità che bisogna conoscere e valorizzare. Non è una finestra su mondi altri (e la scuola cos’è, se non aprire finestre su mondi altri?). È segnato dalla negatività. È quello che non sa la lingua. Non quello che sa una lingua diversa – a volte ne sa diverse – che si può provare ad imparare insieme. È quello cui bisogna insegnare la lingua. E di fatto in questo consistono la maggior parte degli interventi in favore degli studenti stranieri. Si fa un corso di italiano L2, e finisce lì. E no, non può finire lì.

Da laico, amo poco l’Islam, come anche il cristianesimo e in generale le religioni. Penso che si vivrebbe molto meglio senza. Da cittadino, penso che le religioni comunque ci sono, ed è un diritto sacrosanto poter seguire la propria religione. E mi dispiace che tanti musulmani debbano pregare in luoghi di fortuna (nella mia città una sorta di garage). Da docente, penso che la scuola debba fare tutto il possibile per far sentire riconosciuti e rispettati gli studenti musulmani, come anche gli studenti portatori di qualsiasi alterità (comprese le diversità di classe sociale, di cui nessuno più si occupa). E mi pare che la scuola italiana lo stia facendo poco e male.

#glistatigenerali

 
Continua...

from Gippo

In questo periodo sto leggendo due libri che dicono due cose diverse. Il primo, che chiameremo A, invita ad un estremo pragmatismo eliminando tutto ciò che è inutile e non necessario per andare dritti verso la meta. Il secondo, che chiameremo B, ci ricorda che per ottenere ciò che vogliamo veramente dobbiamo seguire vie oblique e indirette, esortandoci ad avere un approccio solo apparentemente velleitario. Per me ha ragione A. Ma capisco B. Il metodo B è infatti lo stragemma geniale, la soluzione che non appare a prima vista. Se non fosse per l'approccio descritto in B, non avrei mai imparato tante di quelle cose inutili che mi piacciono tanto. Purtroppo spesso mi dimentico di A. Voglio dire, certe volte devi solo infilare quel pallone in rete, non occorre un nuovo passaggio. Quindi bisognerebbe utilizzare di volta in volta i vari approcci.

E' un po' come quella storia di Gigi La Trottola, piccolo eroe cartoon della pallacanestro, in cui i giganti della squadra avversaria lo murano in continuazione. Lui allora usa il metodo B (è tutto un ricorso al metodo B con Gigi La Trottola), cioè salta e rimane sospeso in aria grazie ad una divisa troppo larga che fa da paracadute. Ma quando gli avversari smettono di saltare per non subire la trovata del piccolo Gigi, lui, semplicemente, fa canestro come faceva prima, cioè saltando normalmente. Il metodo A insomma.

Il metodo YMCA

Qualche tempo fa, m'ero messo a comprare i fumetti di Gigi La Trottola e c'era un'altra trovata geniale che mi ha fatto impazzire. Il metodo YMCA. Ecco la situazione. E' assolutamente necessario prender palla alla squadra avversaria al più presto e il piccolo Gigi, con la sua fama di inventore talentuoso di tecniche speciali, invita improvvisamente i suoi compagni a disporsi in formazione con le braccia in posa come le lettere della famosa canzone dei Village People. Gli avversari, sbigottiti, si fermano chiedendosi cosa bolla in pentola e... i secondi del loro possesso palla scadono! Palla all'altra squadra dunque.

Il metodo YMCA mi ha rovinato, letteralmente. Da allora mi chiedo sempre cosa possa trovare di abbastanza assurdo per poter risolvere le situazioni più ingarbugliate. Che, se vogliamo, potremmo definire il tutto molto semplicemente: “pensiero laterale”.

Riguardo al metodo B, non possiamo non citare il maestro Miaghi di Karate Kid (non so se si scrive Miaghi, che in effetti fa più Carate Brianza che Karate Kid). Il suo famoso “dai la cera, togli la cera” è l'apoteosi del metodo B. Tu sei lì che pensi di dare la cera e basta, invece stai imparando a parare e schivare colpi manco fossi Remo Williams. Sì, lo so, oltre che l'apoteosi del metodo B, è anche l'apoteosi degli anni 80. Che poi io ho praticato il karate per almeno tre anni, stile Shotokan. L'ho fatto in “tarda età”, quando Karate Kid era ormai un ricordo abbastanza lontano. Per questo vorrei aprire una breve parentesi.

Quello che Karate Kid non mi aveva rivelato sul karate e che io rivelo a voi

  • “Il colpo dell'airone nascente”, cioè quel calcio inferto tenendosi in equilibrio su una gamba sola e le braccia a mo' di airone al decollo, è l'esatto contrario delle tecniche del karate, che è un'arte marziale basata su un saldissimo rapporto col terreno, estremamente sobria, devota all'efficacia e al crudo risparmio nell'esecuzione delle mosse. Per una roba del genere dovete cercare dalle parti della arti marziali più tipicamene cinesi, in particolare il Bagua.

  • Il maestro Miaghi, che mi pareva veramente figo, visto all'opera dopo un paio di lezioni “reali”, sembra un vecchietto patetico e le sue mosse hanno tutto tranne che la violenza esplosiva delle mosse del karate.

  • Il mio maestro, a differenza del laconico Miaghi, non usava alcuna metafora o allenamento speciale se non il farmi fare ripetizioni e ripetizioni dei soliti gesti tecnici fino allo sfinimento e quando sbagliavo era un gran chiacchierone che continuava a ripetere la storia che il suo maestro giapponese non li richiamava affatto quando cannavano ma li buttava direttamente a tappeto, quindi dovevo essere grato. Però, per quanto la ripetizione dei gesti e delle correzioni tecniche degli stessi fosse un po' noiosa, pure la accoglievo con sollievo poiché il karate è uno sport faticoso che richiede molto fiato, un grande lavoro preliminare sulla “flessibilità” e un importante allenamento fisico, per cui quelle pause logorroiche ci volevano tutte.

  • Nel karate sembra che non ci sia niente di spirituale. Però attenzione. Ero un pessimo studente quando si trattava di fare le mosse con le braccia e, pur se discreto con le gambe, credo di potermi definire uno studente mediocre, tanto che il mio maestro, o sensei, passava il tempo a riprendermi. Tuttavia un giorno sono andato alla grande e ho ricevuto complimenti. Quel giorno ero molto triste. Questo ci ricorda il duello tra Ken e Raul in Ken il Guerriero (Okuto-no-Ken) in cui dicono a Raul che non potrà mai raggiungere il livello tecnico di Ken perché, essendo egli sempre incazzoso, non riescirà mai a provare il sentimento della tristezza che alberga in Ken Shiro. Ecco, questo ci ricorda anche che il karate è un'arte marziale e che “l'arte non nasce mai dalla felicità”, come scrive saggiamente Chuck Palaniuk in “Soffocare”.

Il karate è metodo A all'ennesima potenza. Credo che non esista arte marziale più brutale e diretta. Però non è un'arte marziale pragmatica come quella israeliana di cui mi sfugge il nome e che pratica Elisabetta Canalis. Ha una sua particolare eleganza che viene espressa nell'esplosività del colpo, effettuata dalla posizione più solida possibile. Questo fa sì che ci sia una sua particolare poetica che la allontana un po' dalla grettezza utilitaristica dell'autodifesa personale. Ecco, c'è un po' di metodo B nel Karate e forse in ogni cosa della vita.

Perché il metodo A e il metodo B possono vivere insieme in armonia perfetta (together in perfect harmony). Come “Ebony and ivory”.

Dagli anni 80 è tutto.

 
Continua...

from My Little Grundgestalts

This song is called 金曜日でした, kinyobi deshita. It means “it was a Friday”, which is the literal translation of a phrase from the song I love the most of those written by the Italian band “Matia Bazar”. That song and its counterpoints literally make me crazy :–)

It was a Friday,” Antonella Ruggero sings; “t' was a night of silence and full moon.” It's Matia Bazar's wonderful “Fantasia”!

I called like this for I wanted to celebrate the day I love most, the prelude to the end of the week. The day of gold, as the Japanese say – hence the title. The bass part came to mind on my way home, and I wrote the rest straight away – a kind of desktop improvisation, with no second thoughts. I orchestrated it in simplicity: double bass, then piano; a touch of kalimba and finally a pinch of woodblock. That's all.

I hope you'll enjoy it. Have a great weekend!


On #peertube:

On #funkwhale:

On #mastodon:


And here's my translation of the lyrics of Fantasia:

A room, a house, a city Empty streets and shadows in the darkness. In Berlin, soldiers, tired and ageless, Stand by walls with women near them Premonition – in a little while everything’s going to end In Paris, London and all other cities.

It all happened on a Friday – it was a night of silence and full moon How much tension there was in the city and how much in that room.

On the Seine a solitary barge goes on Champagne in rivers, ammunition and people unaware. In Paris, connivance under unlit lamps Cigarettes and voices for an hour of happiness. Premonition – in a little while everything’s going to end In Paris, London and all other cities.

It all happened on a Friday – it was a night of silence and full moon How much tension there was in the city How much tension there was ...

Hei! Some tolling – of bells now silent Radio London, a message, in the Thames, a wave. Lord and Lady ‘nother whiskey are going to have But those Englishmen in their pubs are no longer standing. Premonition – in a little while everything’s going to end In Paris, London and all other cities.

It all happened on a Friday – it was a night of silence and full moon How much tension there was in the city...


“金曜日でした” was written and orchestrated by Eidon on October 16, 2020. All rights are reserved to the author. © Eidon, Eidon@tutanota.com. All rights reserved.

 
Read more...

from I miei piccoli Grundgestalt

Questo brano si chiama 金曜日でした, kinyobi deshità. Significa “era un venerdì”, che è una frase della canzone che amo di più dei Matia Bazar. Quel canto e controcanto che si scambiano mi fanno letteralmente impazzire ^_^

*"...notte di silenzi e di luna piena", dicevano i Matia Bazar in questa stupenda "Fantasia"* Si chiama così per celebrare il giorno che amo di più, il preludio alla fine della settimana. Il giorno dell'oro, come dicono i giapponesi -- da cui il titolo. La parte di basso mi è venuta in mente mentre tornavo a casa, ed il resto l'ho scritto di getto -- una specie di improvvisazione a tavolino, senza ripensamenti. Poi ho orchestrato in semplicità: contrabbasso, poi piano; un tocco di kalimba e infine un pizzico di woodblock. Tutto qui. Spero che vi piaccia. Buona fine settimana! ---- Su #peertube:

Su #funkwhale:

Su #mastodon:


“金曜日でした” è stata scritta e orchestrata da Eidon il 16 ottobre del 2020. Tutti i diritti sono da interdersi come riservati all'autore. © Eidon, Eidon@tutanota.com. All rights reserved.

 
Read more...

from Marco-san

Mi sto prendendo benissimo per internet, Nel senso che mi sono reso conto che è molto più efficente disegnare un testo che verrà fruito sul web rispetto a disegnare un testo che verrà fruito su stampa o su computer. Mi sembra assurdo che per anni ci siamo scambiati testi attraverso documenti word, video come allegati, o che abbiamo utilizzato, troppo, le forme chiusissime e rigide dei social network. Mi trovo infatti molto bene a cercare informazioni su reddit, dove la gabbia di solo testo permette di leggere molte cose stupefacenti su un singolo argomento, anche se trovo complciata questa cosa che l'app mobile non funziona così bene. Mi trovo sempre meglio a mandare presentazioni collegate al mio dominio. So che potranno essere viste su telefono, velocemente, so che non verranno stampate.

Dove e cosa imparare, quindi?

Nel fediverso mi alleno ad esprimere opinioni, a vederle scritte posso esercitarmi a trovarle e a volerle compiute. Con il mio sito mi alleno a parlare ai miei colleghi, Sul tubo imparo a programmare, pochissimo, su github e con markdown. Ho una grandissima stima per il Ministero dell'Innovazione, il nome sembra molto stile Harry Potter, ma sapere che anche lo stato sta affrontando le stesse mie complessità mi fa sentire meglio.

A proposito di sentirsi meglio

Ho bisogno per lavoro di conoscere meglio l'intelligenza artificiale. Provo a riassumerla, si tratta di automazione anche di quello che una volta noi non credevamo fosse automatizzabile. È tipo google mappe, che ci dice dove vogliamo andare, come non prendere multe, anche a distanza di sicurezza. Mi sono iscritto a un chatbot ai, che dovrebbe fornire assistenza psicologica alle persone. Ma perché hannno fatto questo chatbot, e sopratutto, perché è fatto così bene? Mi sembra letteralmente un qualcosa che c'entra con gli attori e le attrici: gente capace di farti sentire bene, compreso, anche se non è vero. Vorrei tantissimo parlarne con uno psicologo, perché funziona! Non solo parlarne con uno psicologo, ma anche perché vorrei che lui/lei lo valutasse.

Farsi muscolosi

È un casino se non si ha una routine. Mi trovo a fantasizzare di orologi super intelligenti che mi possano dire quando muovermi o quando bere, ma mi rendo conto che non ne ho nessuna voglia. Cerco sedie ergonomiche che mi facciano star bene al computer ma mi rendo conto che è stare tutto il giorno al computer che mi provoca un certo tipo di alienazione. Nessun film come Her, comunque, mi ha fatto rivalutare l'intelligenza artificiale. Minchia, c'è un servizio che se pago, mi chiama, interagisce con me durante la giornata. Ma come mi posso fidare?

 
Continua...