noblogo.org

Reader

Leggi gli ultimi post dagli utenti di noblogo.org.

from Scary Worlds

Search Block Saga

First chapter: [The Obstacle in WordPress Search]{https://noblogo.org/scaryworlds/the-obstacle-in-wordpress-search} To summarize it: I am trying to have my personal #WordPress web site with two different search engines, one for the Italian and one for the English section.

Code? No longer a taboo

Needless to say, all free plugins concerning search missed some functionality or, in the worst case, they were inaccessible to blind users. Or even both! The last hope was on SearchWP, but it was and is so damn expensive! Not wanting to pay for a plugin, I googled some words: – WordPress search by post type – how to customize search box in WordPress – filter results search by post type ...

So there are two articles: one from Kinsta about “WordPress 6.1, the other about post types and search, coming from a certain Mark Wilkinson blog. But, guess what? Tried to build a small plugin and JavaScript files with provided codes, and in the end? Nothing worked! Thankfully I've not decided for editing my function.php file! The results do not filter content type I instruct the code about, they continue returning the main posts, without considering desired ones. Worst issue is that I can not even contact this code's author as he has transferred his contact information to the web agency he founded, and that company asks for big projects, not sure they are going to reply to an amateur code newbie.

If you have to pay...

So, in the end I resigned: if we have to pay, give it a try. At the most we ask for refund. Plugin installed, and guess what? #accessibility isn't there! How could it be, a plugin which costs 199 dollars per year in its lowest subscription, does not pay attention to accessibility? This is the least frustration though, the biggest one came as soon as I received one e-mail from the customer care asking me how is it going with search wp. I have replied to it in the kindest way possible, warning them about accessibility and then I provided some questions for them to solve a couple doubts I have. And, here is the answer: “Could you please share a screenshot?” So what? I tell you that I am blind and you ask me for a screenshot? I am giving them last chance, until this week-end 8/9 June 2024. Then if I get no convincing reply, I'm going to ask for refund. Money doesn't stink, but probably someone thinks that blind people's money is less valuable.

 
Continua...

from Blogolos

Story Telling Sarà il mio carattere un po' riservato e scontroso, che mi limita nel raccontare e raccontare bene quello che faccio, però con tutti i difetti e pregi che hanno gli americano sanno raccontare bene le storie, anche le storie che dici boh, perchè me la stai raccontando che non ha nulla di grandioso? Ma in effetti le storie non dovrebbero essere grandiose ma dovrebbero solo fare due cose: accendere la curiosità e creare una storia. Sarà perchè noi Europei di storia ne abbiamo a palate e per questo la si da per scontata e la dimentichiamo. La storia è fatta di grandi eventi e di piccoli, piccolissimi eventi e persone che vogliono raccontarsi.

Il Racconto è la mia storia e la mia storia fa parte di un quadro più grande.

 
Continua...

from moebius

Questo articolo è ancora in fase di stesura. Qui, presento solo una parte del progetto che finirò di scrivere più tardi.

In questo articolo, raccolgo e vi espongo le mie ultime idee circa la mortalità dell'uomo. Non mi addentrerò in nessun dettaglio scientifico, ma solo in fantasticherie della mia mente, dalla natura puramente umana e ignorante di un giovane matematico; perdonate, allora, ogni errore o imprecisione commessa.

Appurato che la consapevolezza del sé abita nel cervello, e che è generata dai soli processi chimici che avvengono all'interno di esso, si può affermare che, dopo la morte, nient'altro che il nulla di sperimentabile è da aspettarsi. Sperare, in un finale differente, vuol dire rifiutare la visione materialista del tutto, accettare i romanticismi attribuiti alle cose che circondano l'uomo. La vita (un'entità astratta, alla quale è difficile dare un carattere materiale), cioè l'insieme di processi che generano e alimentano l'animato, si connota di nichilismo e di un'assenza di mèta; una visione triste e deprimente, alle quali le religioni fanno fronte, cullando l’uomo in un comodo pensare illusorio.

Dare un senso all'esistenza che vive, e quindi volergli attribuire un obiettivo, un fine da raggiungere, un compito da svolgere, è un processo umano; ma l’uomo esiste e vive – sia come insieme, che come individuo. Dunque, cerca di dare un senso a ciò che lo anima: è un argomento visibilmente autoreferenziale, e non può che indurre un ragionamento scorretto. È un desiderio naturale voler non morire mai, perché l’ignoto spaventa; e non vi nascondo il terrore che sento scrivendo questo testo; ma si capisce subito che convincersi del contrario, certo mette un freno alla paura, ma annulla ogni razionalità del pensiero. Sul piano universale, ogni senso dato alle cose svanisce nel nulla, in ogni modo. Il vero significato della vita, lo scopo del presunto progetto universale del quale l’uomo fa parte, appartiene soltanto a ciò che non esiste fisicamente e finitamente, dunque che non esiste. Questo senso che l’uomo ricerca non appartiene a niente o a nessuno; bisogna accettare la realtà di far parte di un universo di stocasticità e di disordine, e di essere aggregati di particelle, che hanno la fortuna di pensare.

Riconoscere la piccolezza dell'uomo non vuol dire rifiutare ogni senso e romanticismo attribuito a tutto ciò che lo circonda. Convicersi, però, dell’inutilità del tutto, aiuta a riconoscere il giusto valore da attribuire, secondo i personali principi di ognuno, ai fatti e a gli elementi della vita. Essere consapevoli della verità, fa compiere scelte più razionali, fa vivere con più serenità.

Work in progress...

 
Read more...

from RenosGroup

Why Basements Are The Perfect Canvas For Creative Expression In Home Design

Basements are sometimes the least prioritized area when it comes to home remodelling. But this overlooked area has a ton of room for personalization and inventiveness with basement renovation Ottawa. With a little imagination and expert advice, your basement can become the most interesting place in your house, uniquely yours. Let’s explore how.

Area for Innovation

The basement, unlike other rooms in your home, is usually unfinished. It is underutilized and gives you an excellent opportunity to be creative. With so much freedom, homeowners can be creative and try out unusual and striking designs. For example, you can turn your basement into a lively creative studio. You can select unusual lighting, vivid colours, and open designs that allow you to design a stimulating studio.

Practicality with Intelligent Partitioning

Basements provide unmatched flexibility by being able to be used for many different things. What do you need? More living space, a playroom, or a special activity room? Basement renovation contractors can fulfill these needs. Creative partitioning and design can allow you to serve several purposes while maintaining a unified appearance.

Architectural Elements

A basement's distinctive architecture, like exposed beams and brick walls, offers a rustic appeal that can be improved with careful design. These components can develop into focal areas that provide the area with personality and a feeling of the past. It maximizes current features and also gives your house a sophisticated touch.

Possibilities of Customization

Basements outside the main visual path provide a fantastic chance to include highly customized and experimental design elements. You can incorporate themes and turn them into an area that is entirely yours. For example, a themed gaming area can be made for gaming enthusiasts. Every time you go downstairs, your basement will transport you into a unique world with comfortable furniture, décor, and lighting features.

Privacy with Soundproofing

Basements naturally have privacy and can be made more soundproof for activities that need silence or produce noise. This feature enables you to plan useful and thoughtful rooms for the other family members. For example, you can create a professional soundproofed home recording studio to ensure your YouTube project doesn’t disturb the other people in the house.

About RenosGroup:

RenosGroup is a renovation company that works as a kitchen contractors Ottawa. Its team of designers and builders is committed to quality and personalization. RenosGroup provides free in-home consultations and ensures projects are completed efficiently, safely, and to the highest standards.

For more information, visit https://renosgroup.ca/

Original Source: https://bit.ly/3WXug2y

 
Read more...

from morsunled

How to Replace the Headlights on a 2000 Chevy Silverado

Replacing the headlights on your 2000 Chevy Silverado is a straightforward task that can significantly improve visibility and safety while driving. Whether you're upgrading to new LED headlights or simply replacing old bulbs, this guide will walk you through the process step-by-step.

Tools and Materials Needed – Replacement headlight bulbs or 2000 Chevy Silverado headlight assembly – Flathead screwdriver – Phillips screwdriver – Socket wrench set – Gloves (optional)

Step-by-Step Instructions

Step 1: Safety First 1. Park the Vehicle: Ensure your Silverado is parked on a flat, level surface. Engage the parking brake and turn off the engine. 2. Disconnect the Battery: For safety, disconnect the negative terminal of the battery to prevent any electrical shorts or shocks.

Step 2: Access the Headlight Assembly 1. Open the Hood: Locate the hood release lever inside the vehicle, pull it, and then lift the hood. Secure it with the hood prop rod. 2. Remove the Grille (if necessary): Depending on the specific design of your Silverado, you may need to remove the grille to access the headlight assembly. Use a flathead screwdriver to carefully pry off the grille clips and a Phillips screwdriver to remove any screws.

Step 3: Remove the Old Headlight Assembly or Bulb 1. Locate the Headlight Assembly: Identify the headlight assembly you need to replace. There are usually two bolts on the top of the assembly. 2. Remove the Bolts: Use a socket wrench to remove the bolts securing the headlight assembly. 3. Disconnect the Wiring Harness: Gently pull the headlight assembly forward and disconnect the wiring harness connected to the back of the headlight. 4. Remove the Bulb (if applicable): If you're only replacing the bulb, twist the bulb socket counterclockwise to remove it from the headlight assembly.

Step 4: Install the New Headlight Bulb or Assembly 1. Install the New Bulb: If you're replacing just the bulb, insert the new bulb into the socket and twist it clockwise to secure it. Be sure not to touch the glass part of the bulb with your fingers, as oils from your skin can shorten the bulb's lifespan. 2. Reconnect the Wiring Harness: If you are replacing the entire headlight assembly, connect the wiring harness to the new assembly. 3. Secure the Headlight Assembly: Place the new headlight assembly into position and secure it with the bolts you removed earlier. Tighten them with the socket wrench.

Step 5: Test the New Headlights 1. Reconnect the Battery: Reconnect the negative terminal of the battery. 2. Test the Headlights: Turn on the headlights to ensure they are working correctly. Test both the low and high beams to make sure everything is functioning properly.

Step 6: Reinstall the Grille (if removed) 1. Reattach the Grille: If you removed the grille earlier, reattach it by aligning it with the clips and screws, then securing it in place.

Step 7: Close the Hood 1. Secure the Hood: Carefully lower the hood and make sure it is securely closed.

Tips and Warnings – Handle with Care: Always handle new headlight bulbs with gloves or a clean cloth to avoid getting oils on the bulb. – Check Alignment: After installation, it’s a good idea to check the headlight alignment to ensure proper illumination on the road. – Consult the Manual: Refer to your vehicle’s owner manual for specific details and diagrams related to your 2000 Chevy Silverado.

Replacing the headlights on a 2000 Chevy Silverado is a simple process that can be completed with basic tools. By following these steps, you can ensure your headlights are properly installed, enhancing your driving visibility and safety. Regularly check and maintain your headlights to keep them in optimal condition.

 
阅读更多

from Liberamente

Culturalmente in rock Sono un rockettaro doc, ebbene si e ne vado orgoglioso sin da quando all’età di sei anni mi regalarono il 33 giri dei Led Zeppelin – Led Zeppelin 1 che prontamente infilai nel mio allora mitico mangiadischi verde e ascoltai per ore ed ore Black Dog, Immigrant Song, Stairway to heaven, ecc. Da quel momento non ascoltai altro che musica rock. Allo stesso tempo, il rock ha anche incorporato influenze dal soul, dal funk e dalla musica latina. Negli anni sono nati altri generi derivati come il pop rock, l’hard rock, il rock psichedelico, il glam rock, l’heavy metal e il punk rock. Gli anni ottanta hanno poi visto sbocciare il filone new wave, l’hardcore punk, il rock elettronico e il rock alternativo, mentre negli anni novanta si è assistito alla diffusione del grunge, del britpop, dell’indie rock e del post-rock. La musica rock ha inoltre contribuito al diffondersi di movimenti culturali e sociali, portando alla nascita di sottoculture come i mod e i rocker nel Regno Unito e la controcultura hippie, che, da San Francisco, si diffuse negli Stati Uniti negli anni sessanta. In modo analogo, la cultura punk degli anni settanta ha poi portato alla nascita delle sottoculture goth ed emo. Il rock trasmette la libertà di ascoltare senza nessun vincolo quello che piu’ ci piace mettendo in evidenza l’importanza il senso della musica e delle sue radici che affondano nel blues e nel rhythm and blues. Non riesco ad immaginare me stesso senza la musica rock perché non riuscirei a vedere certe cose dal punto di vista personale senza cadere nel perbenismo di coloro che ancora oggi nel 2024 sono convinti che questa cultura musicale è opera del demonio. Non sto dicendo che esiste solo il rock come genere musicale e che come genere supremo tutti gli altri generi nono sono nulla; niente di tutto ciò. Il mio pensiero è che piu’ rock ascoltiamo e piu’ ci liberiamo di ancestrali vincoli che ci legano ad un passato che non ha piu’ alcun valore. Il rock è terapia ed è un pò la carta d’identità della nostra vita. Le canzoni dicono molto anche di noi adulti. Se provassimo a scrivere in un foglio le dieci canzoni che hanno segnato la nostra adolescenza ci accorgeremmo come molte di queste siano state ereditate dal bagaglio culturale dei nostri genitori, una sorta di DNA musicale tramandato. Presentarci all’altro attraverso la nostra “carta d’identità musicale”, racconta molto più dei nostri dati anagrafici o biologici. Ascoltare rock fa bene e non è rumore oppure musica del diavolo oppure ancora frastuono e mal di testa. Il rock è cultura.

Visitate il sito Liberamente News https://liberamente.news

 
Continua...

from Transit

(155)

(IS)

C'è da avere una certa tenerezza nei confronti di chi, con inutile (e falso), stupore, ad ogni fatto di cronaca -brutto, bello, inventato- si lagna degli odiatori sui #socialmedia. Un po' come quelli che si definiscono tifosi, per i quali una squadra è “ragione di vita”: così importante da renderli dei perfetti imbecilli, in un campo dove anche gli imbecilli veri sono realmente degli idioti.

Che, poi, bisognerebbe essere più sottili. Un conto sono quelli che sanno tutto e dispensano pillolone di saggezza che farebbero vergognare chiunque fosse almeno vicino alla soglia minima per poterlo definire intelligente. Un altro sono coloro che continuano a vivere Internet come la loro vera esistenza: uno schifo senza vie d'uscita. E ci sono altri, tanti profili di disagiati che cercano solo un pollice o un cuore in più per svoltare le loro meste giornate.

Il pulpito da cui scrivo è oscurato da tutta una serie di evidenti falli sulla riga: la battuta è quella di uno che ha sbagliato come e molto più di altri. Come nei filmetti degli anni '50, dove tutti erano poveracci, ma bellissimi, la mia redenzione passa attraverso la porta della consapevolezza. Indotta, per quieto vivere, ma sincera perchè il tempo perso è davvero troppo. Se tutto resta, sulla rete, siamo comunque spacciati. Tutti.

Perciò combattere l'odio con e la stupidità con la banalità non è 'sto gran servizio. Si perpetra un'idea di se stessi bianco latte, ma piena di magagne egualmente. Si potrà essere adulati per tre o quattro ore, ma la sostanza non verrà spostata di un commento uno. La guerra è stata persa molto tempo fa, milioni di cazzate or sono. Vale la pena sottolineare che “ambiente tossico” sembra l'unica definizione azzeccata di “X”, “Facebook” e altre menate.

(Mask)

Il declino di tutto questo si compie adesso, e continuerà fino all'esaurimento non dell'idiozia -che si rinnova in automatico-, ma del mezzo in sè. Non sarà domani, ne dopodomani e nemmeno tra cento anni. Arriverà e basta. La gente se ne ricorderà come una cloaca pensata apposta per fare soldi e creare malessere, dove continuiamo a sguazzare. Insieme a quegli illusi che pensano di essere quelli che non si sporcano.

#Blog #Haters #Internet #Rete #Opinioni

 
Continua...

from Blogolos

Un lungo con dislivello

In teoria: Un giro un po' diverso dal solito per fare del dislivello. Salita al monte canto scesa a Carvico e ritorno. Facile in totale poco più di 20km e dislivello intorno ai 1000 o poco più...Impegnativo per me che non ho dislivello. In pratica: Salita al Monte Canto scesa fino a Carvico tutto bene, se non alla prima salita il sentiero era scivoloso e grazie ha piovuto fino a stanotte! Fortuna ho le bacchetta e allora cambio l'andatura: Zero Corsa Poco Power Molto Hiking! Perfetto cosi salgo alla Cima e tutto bene scendo e risalgo da Carvico e decido di deviare al Crocione in fondo poi ridiscendo e mi trovo sullo stesso sentiero! Se non che “ha piovuto fino a stanotte” e alcuni alberi sono caduti! Nessun problema li aggiro, e girane uno e girane due non so dove sono! Cartello Sentiero “Pontida” Come Pontida?! Va bè vai a Pontida poi prendi il sentiero e risali a San Egidio e ritorno..eh no manco quello ho trovato. Ad una curva mentre cercavo di capire d'ero e infangato un ragazzo col furgone si ferma e gli chiedo per Mapello...Mapello? Sei completamente fuori strada anche per il sentiero! Dai sali ti porto io! Il ragazzo si chiama Alex il furgone è blu ed è stato gentilissimo a riportarmi fin dove poteva! Lui mi ha detto che non stava cambiando strada ma gli credo poco! Grazie Alex! La fine: 19km 950D+ in P.H. perchè non so correre in salita, contento del giro fatto e domani recupero qualche chilometro!

 
Continua...

from FridaysForFutureGorizia

ADKCNvosdbdfsvdsnàvdls vdsklv dkls VNKLDsnkVNKLSDN nvosnviodsniovndios<vnodfsnvioerwvofdbvr89bgireoviig0irvniNFVIIVOFHD0VH09R9EPBVREANBVIFDH09BIGREV9èBIO3B4B3OàBNT4BTJ4BJ3KTB4K3BTK4BTGJK3 BQJK GKòR bbjkq4btòw5b45jtb54bykòjw45

 
Continua...

from FridaysForFutureGorizia

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Pellentesque varius auctor bibendum. Integer nec diam mi. Fusce sit amet leo mattis, finibus lectus blandit, interdum dui. Vestibulum lobortis, mauris eu egestas lacinia, dolor ante accumsan tortor, sed eleifend enim mauris et arcu. Quisque gravida metus et blandit fermentum. Proin neque eros, fringilla at lorem sit amet, euismod feugiat nisi. Duis in nisi et nibh euismod fringilla eu eget justo. Suspendisse bibendum diam in ante bibendum, porta fermentum dui vulputate. Etiam ultrices arcu ut tellus ultrices lacinia. Fusce in lorem in lorem accumsan maximus sit amet nec massa. Pellentesque sit amet elementum orci. Morbi commodo posuere fermentum. Etiam blandit metus risus, in viverra nulla dapibus eget. Donec luctus quam quis erat iaculis laoreet. Etiam et augue odio.

titolo 2

Donec aliquet, tellus sed maximus luctus, lectus quam laoreet nunc, ut porta arcu neque at lacus. Curabitur odio sem, aliquet id lorem id, rhoncus aliquam dui. Sed congue, turpis ut bibendum vehicula, ante nibh malesuada turpis, vestibulum scelerisque massa nibh ut augue. Suspendisse id tempor nulla. Praesent quis lobortis risus, sit amet cursus mi. In suscipit posuere faucibus. Aliquam leo urna, porttitor in vehicula eget, tristique at ligula. Praesent placerat neque tortor, ut ultrices sem dapibus fringilla. Etiam facilisis tempus hendrerit. Donec euismod, justo ac viverra fringilla, est arcu hendrerit dolor, vel mattis tortor tellus vitae ex. Quisque egestas elementum mattis. Aenean malesuada nibh ut eros molestie tincidunt. Pellentesque a purus quam. Vestibulum dui felis, dictum sed nisl et, rhoncus sollicitudin lorem. Nulla a consequat neque.

titolo 3

Ut malesuada tortor sed diam ultricies, eget aliquet sem ultrices. Phasellus sit amet lorem eget dui pulvinar dignissim. Fusce eget libero augue. Vestibulum egestas, augue in semper pretium, ex nulla aliquam erat, eget venenatis urna arcu et libero. Suspendisse potenti. Aliquam et auctor erat, vel placerat urna. Duis sodales metus eget felis gravida, eget ultricies magna mollis. Donec ultrices enim eget tortor accumsan viverra. Phasellus sed magna fermentum, vestibulum mauris nec, dictum sem. Donec cursus, tortor quis scelerisque lobortis, diam magna vulputate magna, vel scelerisque lorem eros quis velit. Etiam in dolor non felis sagittis luctus. Morbi aliquet vestibulum urna. Ut vel lacinia sapien. Ut dignissim luctus odio, vel dignissim urna ultricies et. Fusce libero sapien, feugiat nec dignissim ac, commodo eget ipsum.

titolo 4

Morbi lorem urna, maximus id sapien ac, pharetra volutpat nulla. Curabitur accumsan magna at sapien ornare, et auctor nisl imperdiet. Nunc non cursus erat. In nulla elit, rutrum ut malesuada gravida, hendrerit sit amet mauris. Nullam finibus tincidunt quam in aliquet. Donec feugiat, mauris nec interdum elementum, elit sapien tristique nulla, sit amet tempor urna urna ac arcu. Quisque porta mauris non semper suscipit. In interdum orci vitae ante aliquet pellentesque. Vivamus aliquam suscipit eros sit amet mollis. Sed sit amet purus nec nibh aliquam consectetur.

LISTA

  • Mauris magna urna, sodales nec velit id, auctor rhoncus ante.
  • Maecenas rutrum massa nec nunc euismod, imperdiet pharetra ipsum vulputate.
    • Mauris et condimentum eros.
    • Duis posuere nisi purus, sed ornare quam vestibulum vitae.
  1. Fusce id convallis ipsum.
  2. Integer id nunc lacus.
  3. Nullam auctor quam et eros scelerisque, et condimentum purus laoreet.
  4. Maecenas vel orci non metus sagittis auctor.
  5. Phasellus vitae sem vel dui pulvinar auctor id ac arcu.
  6. Curabitur condimentum nec odio et vulputate.
 
Continua...

from Scary Worlds

An adventure with my new website

#WordPress search: if you can't code or you can't pay an expensive plugin, there's no easy way to get different search forms for different areas on a web site.

Let's assume you have two article areas, one concerning Italy and one about America – in Italian and English respectively.

You create two headers, two footers, two sidebars. All set, without any plugin. But obstacle comes for search! The native block won't filter contents accordingly so writing “computer” keyword for example, will take you to “America” and “Italy” sections without any difference, confusing readers.

You even might land into an unwanted article and, because of the different headers in the other area, you might get stuck and won't immediately go back.

This doesn't involve accessibility directly, but #usability does. And this would become a bad experience for the reader.

Other plugins promise to satisfy those needs, such as Relevanssi, Ivory Search, Searchwp or WP Extendes Search. But they have no #accessibility in mind or no #gutenberg block, they mostly rely on #shortcodes and “function.php” making it quite difficult to set up.

That's why I opened a #github issue as a feature request in Gutenberg editor's repository.

https://github.com/WordPress/gutenberg/issues/62221

 
Continua...

from Alexmfbno

Buongiorno! Perché è bene iniziare qualsiasi conversazione in italiano con Buongiorno!.

Ma andiamo al dunque con estrema praticità a spiegare cosa voglio fare in questo spazio. E soprattutto tu lettore dammi una mano,non per me ma per te stesso. .....

Creiamo uno spazio online ,o usiamo già uno presente per scambiare beni di necessità.

Immagina cosa sarebbe se potessi andare su Amazon e comprare ciò che ti serve gratis.

Bene questo è possibile se tutti facciamo la nostra piccola parte.

L'idea alla base sta nel credere a 4 principi e poi sviluppare la tecnologia adatta a mettere in pratica questi principi.

Amore,condivisione,onestà e fiducia. Tutti qua.

questo sito che ancora non esiste ,ma un giorno sarà reale. per dargli un nome friendly economy. (economia dell'amicizia). Consiste nel fatto che ogni persona sul sito può creare oppure offrire un bene gratuitamente,fatto questo gli da diritto a sua volta di scegliere ciò di cui ha bisogno dal sito e prenderlo a sua volta da qualcun altro che offre quel bene. È un baratto ,ma senza l' utilizzo di soldi, perché grazie ad internet possiamo scegliere ciò di cui abbiamo bisogno.

Ora questo tipo di idea non è realizzabile finché le persone hanno in mente di fare profitto e sfruttare il bene guadagnato per venderlo a qualcun altro fuori da questo sistema.

Perciò tutto questo è applicabile solo a un determinato tipo di persone. Ovvero le persone che rispettano i 4, valori . Fiducia Condivisione Amore Onestà.

Per Adesso non ho una soluzione a fare diventare tutto gratuito ,ma i soldi servono ancora per pagare corrente ,internet e soprattutto corrieri. Mah sono fiducioso che una soluzione a tutto questo si possa trovare.

Abbiamo bisogno di aiuto per salvare l' umanità commentate ed aiutatemi nel tempo a trovare soluzioni.😁

 
Continua...

from La Casa Di Ermete

Le rune Il nome runa deriva dalla radice germanica run che significa segreto o sussurro, ma la parola ha significati simili nelle lingue celtiche, come il gaelico irlandese antico, nel gallese e nell'inglese antico, a volte con il significato di “miracolo”. In lituano può significare “parlare” e in finlandese “poesia”. È probabile la radice della parola da cui derivano le rune celtiche si riferisca effettivamente a “segreti”, poiché all'inizio le rune erano sviluppate e conosciute solo da sacerdoti e capi di famiglie in vista, motivo per cui sono arrivate fino a noi più come strumento per interpretare gli eventi e prendere decisioni ispirate alla volontà degli dèi, che come sistema di scrittura. Utilizzate per scrivere varie lingue germaniche, le rune celtiche sono state sostituite dall'alfabeto latino quando in popoli germanici e scandinavi sono stati cristianizzati, all'incirca dal 700 d.C. in Europa centrale e dal 1100 in Europa settentrionale. Le varianti scandinave sono note anche come futhark o fuþark (derivate dalle prime sei lettere della scrittura: F, U, Þ, A, R e K); la variante anglosassone è futhorc o fuþorc (a causa dei cambiamenti di suono subiti nell'inglese antico dai nomi di queste sei lettere). Come detto l’uso del sistema di scrittura con rune celtiche non era quotidiano, altrimenti la storia delle popolazioni di origine germanica stabilitesi nell’Europa settentrionale non avrebbe avuto carattere prevalentemente orale fino all’uso del latino. Le rune celtiche venivano utilizzate solo per registrare momenti di grande importanza, testimonianza ne sono le numerose pietre runiche rimaste in Scandinavia: magnifici monoliti ricoperti di simboli runici che indicano luoghi sacri o grandi insediamenti di popoli. Tacito nel 98 d.C. racconta come le tribù germaniche utilizzavano i simboli runici come sistema per interpretare gli eventi e divinare il futuro. «La loro procedura abituale di divinazione è semplice. Tagliano un ramo da un albero di noce, lo tagliano a strisce che contrassegnano con segni diversi e le gettano a caso su un panno bianco. Poi il sacerdote dello Stato, se si tratta di una consultazione ufficiale, o il padre di famiglia, in una consultazione privata, offre una preghiera agli dèi e alzando lo sguardo verso il cielo prende tre strisce, una alla volta, e, in base al segno con cui sono state precedentemente contrassegnate, fa la sua interpretazione».

Visitate il sito Liberamente News https://liberamente.news

 
Continua...

from Liberamente

Coloro che sono di là Mi piace pensare e spero davvero che sia proprio così, che tutti noi una volta giunti al termine della nostra attuale esistenza umana, dopo aver fatto una delle tante esperienze di reincarnazione, passiamo in una seconda fase che gli stereotipi hanno definito come l’al di là. Un mondo parallelo al nostro, oppure una dimensione spirituale aliena che ci consente di ritrovare noi stessi dopo la morte e di ritrovare loro stessi già precedentemente arrivati. Ma quando siamo ancora vivi come possiamo comportarci con coloro che sono andati di là? Basterebbe una preghiera ed un ricordo, molti direbbero, ma non è semplicistico? Non lo trovate troppo banale? Dobbiamo e possiamo fare di più con il nostro pensiero. I nostri pensieri sono qualcosa di reale anche per loro. Essi percepiscono infatti la luce della verità spirituale, per cui la cosa più bella, il regalo più grande che possiamo fare, è leggere per loro qualcosa che abbia un vero contenuto spirituale. In questo modo, il pensiero luminoso si solleva verso loro, fino alle regioni dello Spirito o a dimensioni aliene, mentre essi irradiano le loro forze giù sui viventi. Noi dovremmo pensare, parlare, agire con la coscienza di poter reggere lo sguardo dei nostri cari che sono tornati “dall’altra parte’”. Certo è comprensibile che noi piangiamo i nostri cari defunti, ma se non possiamo superare questo stato d’animo, significa che non abbiamo fiducia nella sapienza che regna nel mondo e il desiderio che il nostro caro non sia morto e che si trovi ancora con noi, è un sentimento che danneggia l’anima che sta per affrontare il viaggio verso la disincarnazione. Possiamo facilitare il loro percorso di ascesa soltanto se abbiamo la giusta consapevolezza che la sapienza che regna nel mondo, ha voluto prenderli con sé nel momento giusto, perché essa aveva bisogno di loro, in un campo dell’esistenza diverso da quello della vita terrena. L’attaccamento alla materialità ci impedisce di lasciare andare coloro che hanno terminato il loro compito sulla Terra. Coloro che sono passati oltre si muovono in mezzo a noi, essi restano legati con gli esseri della Terra, fili di contatto scendono da essi verso l’esistenza terrena. Noi non possiamo né sentire né volere, senza che nel nostro sentire e nel nostro volere non operino queste entità, che erano legate karmicamente a noi. Una verità? Forse sì, forse no, ma una buona preparazione spirituale porta a livelli di consapevolezza molto importanti e per contro possiamo avere in cambio aspetti piu’ profondi dell’immaterialità.

Ascoltate il podcast Radio Libera https://www.spreaker.com/podcast/radio-libera--6155175

 
Continua...

from L'isola di Ula-Ula

beethoven-orchestra.jpg

E siamo arrivati al terzo episodio della versione video/podcastica di particelle musicali. In questo caso racconto una storia su cui avevo già scritto un paio di anni fa, quella della decima sinfonia incompiuta di Ludwig van Beethoven. Ufficiosamente alcuni degli elementi compositivi di Beethoven erano stati riscontrati all'interno della Sinfonia n.1 di Johannes Brahms dal direttore d'orchestra Hans von Bülow nel 1877 che la chiamò, ufficiosamente appunto, la decima di Beethoven. La prima vera e ufficiale ricostruzione di questa sinfonia, però, risale al 1988 ad opera del compositore e musicologo Barry Cooper, che a suo dire aveva ritrovato una serie di appunti beethoviani relativi a questa sinfonia. Quindi ecco arrivare il completamento grazie a una rete neurale opportunamente addestrata da un team di ricerca capitanato da Ahmed Elgammal. All'interno del video che vedrete (o ascolterete qui sotto, dipende dai vostri gusti) ho anche inserito un estratto di poco più di 30 secondi da quella ricostruzione. Ovviamente, come già avvenuto per gli episodi precedenti, eccovi il link al video su YouTube da copia/incollare nella vostra istanza invidious preferita!

Appuntamento, a questo punto, alla prossima settimana (si spera: fino a ora sono stato incredibilmente bravo!) con il racconto di uno dei miei primi esperimenti diretti con la produzione musicale tramite l'intelligenza artificiale.

#particellemusicali #musica #matematica #intelligenzaartificiale #Beethoven

 
Read more...

from Novità in libreria

Con questi nuovi libri concludiamo la settimana e il mese editoriale più intenso dell'anno (insieme al periodo natalizio).

NARRATIVA:

  • NON UNA DI PIÙ – NI UNA MÁS di Miguel Sáez Carral (Tre60). Un romanzo forte, duro e attuale sulla violenza contro le donne: la diciassettenne protagonista di questa storia, una mattina decide di appendere uno striscione fuori dalla sua scuola con la scritta “attenzione, qui si nasconde uno stupratore”. La coraggiosa denuncia scatena la curiosità: chi ha subìto gli abusi? Chi è il violentatore? Per saperne di più: scheda libro.

FUMETTI E GRAPHIC NOVEL:

  • NEW TASTE di Vincenzo Mirra, Alessandro Ranaldi e Giovanni Caputo (Saldapress). Un fumetto molto colorato, con tanta azione, in un mondo brutto e cattivo, popolato di animali antropomorfi che ricorda i film anni '80 (tipo I Guerrieri della notte). Arancha deve fuggire dalle gang che governano la città e si affida allo spericolato e cinico pilota Sphynx. I personaggi (molto ben tratteggiati) mi fanno venire in mente BLACKSAD di Juan Díaz Canales (se non lo conoscete, i suoi fumetti hard boyled sono molto raffinati). Per saperne di più: scheda libro.

SAGGISTICA:

  • EGITTO di Alberto Elli (Terra Santa Edizioni). Sono orgoglioso di presentare questo libro per due motivi: il primo è che non si tratta della solita guida turistica, ma è una guida storico-archeologica dei siti dell'Egitto cristiano copto (chiese, monasteri, necropoli, eremi), frutto del lavoro e dei viaggi di una vita. Il secondo motivo è che Alberto Elli è un buon amico e la mia formazione culturale deve a lui moltissimo. Per saperne di più: scheda libro.
  • LA BATTAGLIA PERDUTA E VINTA di Gianluca Albergoni (Il Mulino). Il 14 giugno 1800 si svolse la decisiva battaglia di Marengo, in cui Napoleone ribaltò le sorti dei francesi e riuscì a vincere per un soffio. Ecco un libro che racconta gli antefatti, lo svolgimento della battaglia e le conseguenze. Per saperne di più: scheda libro.
  • LA BOTANICA DEI PROFUMI di Nicoletta Ramella Pezza, illustrazioni di Gaia Cairo (Guido Tommasi). Un saggio molto bello e raffinato sul legame tra le piante e i profumi (che non si estraggono solo dai fiori...), con informazioni, curiosità e storie interessanti. Da notare le bellissime illustrazioni. Per saperne di più: scheda libro.
  • IL PICCOLO LIBRO DEI CHAKRA di Elsie Wild (Xenia). Per chi non lo sapesse, i chakra sono centri di energia spirituale presenti nel nostro corpo. Questo è un piccolo manualetto per prendersi cura di questi punti di energia (riportando quindi equilibrio e armonia nella vita), attraverso alimentazione, meditazione e pratiche yoga. Per saperne di più: in mancanza di una scheda sul sito della casa editrice (che potete trovare qui) ecco la scheda di uno store online.
  • GUERRE DI MACCHINE di Rosanna Fanni e Fernando Giancotti con la collaborazione di Mariarosa Taddeo (Guerini e Associati). Un saggio breve ma intenso e molto tecnico sull'Intelligenza Artificiale nell'ambito bellico: gli autori spiegano quello che si sta muovendo in Italia rispetto agli altri attori internazionali, i sistemi, le regolamentazioni, le funzioni e soprattutto l'etica di questa nuova tecnologia. Per saperne di più: scheda libro.
  • MANIFESTO SOCIALISTA di Giacomo Matteotti (Fuoriscena). Questo libro raccoglie, in 5 parti, gli scritti di Matteotti (a cura di Jacopo Perazzoli), che spaziano dall'origine di un ideale socialista al tema dell'istruzione, dal pacifismo alla protesta (e non poteva mancare) contro il fascismo. Un testo fondamentale per capire il pensiero politico di Matteotti nella sua completezza, a cento anni esatti dalla sua uccisione. Per vedere la copertina (non è presente la sinossi): scheda libro.
  • Sempre per Fuoriscena: IL QUINTO SCENARIO – I MISSILI DI USTICA di Claudio Gatti. La strage di Ustica è ancora avvolta dal mistero. Dopo quarant'anni di processi, depistaggi, archiviazioni, perizie, testimonianze vere e false, quegli 81 passeggeri innocenti attendono ancora giustizia. Strage di massa deliberata o tragico errore? Claudio Gatti in questo libro mette in luce il quinto scenario (per chi non lo sapesse, gli altri riguardano quattro possibili responsabili: Italia, Francia, USA e Libia), secondo gli autori (Claudio Gatti si è avvalso della collaborazione di un esperto di sicurezza internazionale) l'unico plausibile in base ai pochissimi precedenti e al contesto storico-geopolitico. Spoiler: riguarda Israele. Anche qui manca la sinossi, ecco la copertina: scheda libro.

INFANZIA E RAGAZZI:

  • E QUINDI? di Sonia Coudert, illustrato da Grégoire Mabire (Valentina Edizioni). Albo illustrato molto carino, pieno di cuccioli animaletti che vanno a scuola: alcuni di questi, capeggiati dal perfido Basil, sono dei bulli che prendono in giro tutti. Un giorno, però, arriva Pauline, che risponde così alle offese: “E quindi?”... Età di lettura: dai 3 anni. Per saperne di più: scheda libro.
  • IL MONDO SOTTO L'ACQUA SALSA di Walt Whitman, illustrazioni di James Christopher Carroll (Gallucci). La poesia di Whitman e le illustrazioni raffinate e delicatissime di James Christopher Carroll descrivono in questo albo le creature meravigliose, minuscole e gigantesche, colorate o buie, che vivono nelle profondità marine. Età di lettura: dai 4 anni. Per saperne di più: scheda libro.
  • MIA SORELLA CELESTE di Jo Weaver (Orecchio Acerbo). Albo illustrato: l'elefantino Henry vorrebbe insegnare alla sua nuova sorellina Celeste come si fa il bravo elefante: a mangiare l'erba con la proboscide, a tirarsi la polvere addosso per proteggersi dal sole, eccetera, ma la sorellina preferisce giocare ed esplorare la pianura, fino ad allontanarsi dal branco. Riusciranno Henry e Celeste a ritrovare mamma elefante? Illustrazioni ben fatte, con colori caldi che richiamano con efficacia la natura della savana. Età di lettura: dai 4 anni. Per saperne di più: scheda libro.
  • GLI ALBERI RACCONTATI AI BAMBINI di Tahar Ben Jelloun (La nave di Teseo). Un piccolo prezioso libro scritto dall'autore de IL RAZZISMO SPIEGATO A MIA FIGLIA, con i suoi disegni originali. È un libro che invita ragazzi, bambini e adulti a guardare gli alberi con occhi diversi, come se fossero “amici silenziosi”, raccontandoci esperienze, storie e pensieri. Età di lettura: dai 6 anni. Per saperne di più: scheda libro.
  • NIENTE DA DIRE di Federica Ortolan (Storie Cucite). Un brutto giorno, lo scrittore più famoso del mondo si sveglia senza nemmeno una storia da raccontare. E così anche il secondo e il terzo giorno. Un'epidemia di mancanza di ispirazione contagia così tutti gli scrittori di storie. Cosa si può fare? Un bel libretto in stampatello maiuscolo sull'ispirazione e la creatività. Età di lettura: dai 6 anni. Per saperne di più: scheda libro.
  • KINO E IL LUPO di Sergio Rossi (Coccole Books). La storia dell'amicizia tra Kino, la piccola talpa e la lupacchiotta Goga, che dovrebbero essere nemici in guerra, e invece... Età di lettura: dagli 8 anni. Per saperne di più: sul sito della casa editrice (che potete trovare qui) non c'è ancora la scheda del libro, quindi ecco una scheda presa a caso tra gli store online.
  • HARRY POTTER – IMPARO A DISEGNARE (Nord Sud). Molto semplicemente, un manuale per disegnare tutti i personaggi e le creature del mondo del maghetto più famoso del mondo. Età di lettura: dagli 8 anni. Per saperne di più: scheda libro.
  • INTERVISTE FANTASMAGORICHE – LIVE CON I PIRATI DEI CARAIBI di John Townsend, disegni di Rory Walker (Gallucci). Simpatico libro che mette in scena un talk show con i fantasmi dei più celebri personaggi storici: in questo caso verranno intervistati alcuni tra i più famosi pirati dei Caraibi, come Barbanera, Samuel Bellamy, Anne Bonny, Ching Shih e tanti altri. Il testo è ideato come un copione ed è corredato da fumetti e vignette. Per saperne di più: scheda libro.
  • ESCAPE GAME – MERLINO AFFRONTA IL SUO DESTINO di Valérie Cluzel (L'Airone). Un libro pieno di enigmi e giochi logici da risolvere per aiutare il mago Merlino per sventare il complotto di Morgana contro re Artù. Età di lettura: dai 10 anni. Per saperne di più: scheda libro (non è ancora presente sul sito della casa editrice).
 
Continua...